Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dopo il diluvio

E-mail Stampa PDF

Il risultato elettorale ha provocato il panico tra gli sconfitti, che pure fingono di aver vinto pur avendo perso dal 2008 ben 3.451.119 voti nel caso del PD, mentre il PDL ne ha persi addirittura 6.296.797; per non parlare di Monti che si riunisce con parte dei suoi ministri, forse per lasciare agli italiani che l’hanno bocciato qualche regalo avvelenato, e del grande regista della fallimentare operazione, Giorgio Napolitano, che è andato a chiedere conforto in Germania…

Ma il dibattito più necessario è quello nella sinistra, che non ha saputo intercettare neppure una minima parte della protesta. Debole e insufficiente la riflessione avviata nel PRC (del PdCI, dei verdi, o dell’IDV non vale neppure la pena di parlare), che avrebbe dovuto cominciare da un bilancio autocritico dell’operazione che ha portato all’esclusione dei promotori di cambiaresipuò, per estendersi alle ragioni del vuoto di iniziativa politica seguito alla sconfitta della Lista Arcobaleno. Comunque segnalo la lettera di dimissione della segreteria nazionale del PRC, che ricalca largamente il primo commento fatto da Paolo Ferrero, che segnalava la tentazione di una soluzione autoritaria per la crisi politica, che effettivamente non si può escludere: http://www.umbrialeft.it/notizie/dimissionaria-segreteria-nazionale-rifondazione-comunista

Molto efficace invece questo articolo di Guido Viale, apparso oggi su il manifesto, che fa un bilancio severo dell’operazione costruita intorno alla debolissima figura di Antonio Ingroia, e che riporto integralmente.

Sotto la toga, niente

di Guido Viale - il manifesto | 27 Febbraio 2013

Il flop di Rivoluzione civile non era scontato, ma largamente prevedibile. Quella lista era stata promossa da tre ex pm che portavano in dote uno, una sacrosanta polemica con il presidente della Repubblica e un'inchiesta contrastata sulla trattativa Stato-mafia, ma che era solo all'inizio, o era stata interrotta precocemente (mancava sicuramente, in quell'indagine, lo scambio tra l'arresto di Riina e la «messa in salvo» del suo archivio, consegnato indenne a Provenzano e il ruolo in tutto ciò del procuratore Caselli, oggi grande fustigatore dei NoTav); l'altro portava in dote una strepitosa vittoria alle comunali di Napoli, che però comincia a far acqua di fronte ai lasciti catastrofici delle precedenti amministrazioni (è la stessa situazione in cui si trova Pizzarotti: non si possono affrontare a livello locale burocrazia, patto di stabilità, debiti pregressi, banche e altro ancora, senza mobilitazioni di respiro nazionale); quanto al terzo, ecco una lunga militanza a favore del massacro dei manifestanti del G8 di Genova, del Tav Torino-Lione, della legge obiettivo, della Tem e delle altre autostrade lombarde, di una serie di malversazioni nei finanziamenti pubblici al suo partito e l'elezione di tre parlamentari (De Gregorio, Scilipoti e Razzi), raccattati tra la feccia del paese per regalarli a Berlusconi.
A queste tre toghe se ne è poi aggiunta un'altra: quella dell'avvocato Li Gotti, già segretario del Movimento sociale di Catanzaro, che si era impegnato a fondo, come patrono delle vittime della strage di Piazza Fontana, a proteggere fascisti e servizi dagli indizi che li inchiodavano, perseverando nell'accusare Valpreda e, soprattutto (visto che stiamo parlando di mafia), a proteggere gli assassini di Mauro Rostagno e i mandanti mafiosi di un omicidio che ricorda da vicino quello di Peppino Impastato, sostenendo e gridando ai quattro venti che a uccidere Mauro erano stati i suoi ex compagni di Lotta Continua per «farlo tacere» sull'omicidio Calabresi. Era difficile, in queste condizioni, concorrere con Sel, Pd e Grillo; o convincere i milioni di elettori delusi che non si sentono più cittadini di questa Repubblica che «l'alternativa» era questa.

Ma andando a frugare sotto quelle quattro toghe, lo spettacolo è ancora più deprimente: quattro dinosauri, segretari di altrettanti partiti senza più elettori, si sono impossessati di quella lista piazzando se stessi, i loro funzionari e i loro notabili (alcuni dei quali francamente impresentabili, tra cui un noto affarista, un difensore della tortura di stato e un fautore dei condoni edilizi) nelle teste di lista di almeno tre regioni per ciascuno: un «catenaccio» che peggiora ancora le già perfide regole del «porcellum», garantendo con dimissioni mirate, nel caso che la lista avesse superato lo sbarramento, l'ingresso in parlamento dei candidati designati. Il tutto «edulcorato» con l'inserimento in lista di alcuni (pochi e infelici) «rappresentanti della società civile», scelti, beninteso, da lorsignori, avendo ben cura di scartare le candidature indicate, anche con maggioranze schiaccianti, dalle assemblee di cambiaresipuò. In questo meccanismo è rimasto tra l'altro schiacciato anche Vittorio Agnoletto, indicato, quasi a furor di Prc, candidato di cambiaresipuò a Milano; proprio mentre il partito che lo appoggiava trattava a Roma il modo per farlo fuori.
Nessuno dei partiti che l'hanno fatta da padroni nella lista di Rivoluzione Civile (Verdi, Prc, Pdci, Idv) avrebbe mai avuto la forza di presentarsi da solo alle elezioni; e i risultati lo confermano (andate a vedere quelli dell'Idv, che in Lombardia si è presentata da sola!) Ma nemmeno la possibilità di promuovere una riedizione del fallimentare «arcobaleno» se il terreno non fosse stato spianato dalle assemblee di cambiaresipuò. Che quei quattro partiti sono riusciti a usare «come un taxi» (senza nemmeno pagare la corsa) per farsi portare non in parlamento, dove non sono arrivati, ma solo a una presentazione temporaneamente - e solo temporaneamente - unitaria, nascosti sotto le toghe di quei tre ex pm.

Certamente anche cambiaresipuò porta la responsabilità di quest'esito: è nata troppo tardi; si è fatta stroncare dall'anticipo delle elezioni; è stata ingenua; non ha avuto una vera direzione politica capace di contrastare per tempo assalti e trappole tese da chi la aspettava al varco. In questo gioco un ruolo decisivo lo ha avuto De Magistris, vero «cavallo di Troia» per introdurre in cambiaresipuò prima Ingroia e poi i quattro partiti che ne hanno preso il controllo per scaricarla. Però lo scopo di quei partiti nascostisi sotto le toghe dei pm era la mera sopravvivenza: presidiare un'area sterile e striminzita di voti «di sinistra», che certo molti di loro immaginavano, sbagliando, più consistente. Non certo offrire un'alternativa a milioni di elettori disgustati dalle forze politiche al comando del paese.

Avevano un programma raffazzonato riprendendo i punti fondamentali di cambiaresipuò, perché i dieci punti proposti inizialmente da Ingroia erano drammaticamente inadeguati (ma d'altronde, i programmi, chi li legge?). I candidati erano già stati selezionati in barba alle 100 e più assemblee tenute da cambiaresipuò. Quanto alla tattica, solo i risultati catastrofici proteggono la lista dall'accusa di aver provocato il flop di Pd e Sel con una campagna condotta tutta contro di loro, invece che per qualcosa di diverso.

Ora, senza parlamentari e senza finanziamento pubblico, quei quattro partiti sono condannati all'estinzione (Di Pietro avrà ancora denaro pubblico per un anno: vedremo che cosa ne farà, dopo aver sostenuto le spese della candidatura di Ingroia). Ma - e lo chiedo alle centinaia di militanti di quei partiti impegnati, a volte fino allo spasimo, nel sostegno di lotte, movimenti e iniziative civiche - si può combattere per obiettivi così miseri? Non ci stiamo battendo tutti quanti, ciascuno a modo suo, per qualcosa di più e di meglio?
Si è persa l'occasione per offrire a milioni di elettori una opzione diversa: non il tentativo di portare in parlamento uno sparuto drappello di oppositori, pronti a disperdersi ciascuno per la propria strada (magari anche quella di Scilipoti) non appena eletti; ma la possibilità di usare la campagna elettorale per una vera battaglia politica: per un'altra Europa, un'altra economia, un altro regime del lavoro, un'altra istruzione, un'altra cultura. Non un programma di governo (magari non avremmo preso, anche in quel caso, nemmeno i voti necessari per «condizionare» il nuovo governo), ma sicuramente un punto di riferimento per raccogliere una spinta che la mancanza di prospettive ha risospinto nel voto al Pd, o a Grillo, o nell'astensione; comunque nella rabbia e nella frustrazione.

«Noi - avevo detto nella seconda assemblea di cambiaresipuò di Milano - dovevamo fare di questa come di ogni altra elezione un momento di vera lotta politica. E questo voleva dire aprire porte e finestre: creare un ambiente in cui si possa dire a quelli di Grillo, a tutti loro, che sono in gran parte giovani, impegnati, antagonisti al sistema, e sempre più insofferenti della gabbia in cui li ha rinchiusi il loro leader: questa è la vostra casa. Cioè una casa per voi; per permettervi di fare politica meglio, più liberamente, e in modo più costruttivo di quanto abbiate potuto fare finora. E non una casa per noi, dove accomodarci in attesa che anche quelli di Grillo ci raggiungano».

E ancora: «poter dire è la vostra casa anche a milioni di compagni che votano Pd o Sel "turandosi il naso", ben sapendo che tra il macello sociale imposto dall'Agenda Monti e dalla Bce da un lato, e i diritti dei lavoratori, la difesa del welfare, la conversione ecologica dell'economia per creare milioni di nuovi posti di lavoro - e per salvaguardare quelli che altrimenti scompaiono - dall'altro, il Pd sceglierà sempre la prima di queste alternative. (...) Per far questo non basta rinunciare alle sigle di partito, occorreva lasciarsi alle spalle molto di più (...) Bisognava abbandonare molte delle nostre identità, spesso assai logore, senza la sicurezza di ottenere risultati immediati».

Il successo del movimento 5 stelle è la riprova del grande bisogno di novità e delle grandi aspettative di un cambiamento reale che ci sono in questo paese. Una situazione che negli ultimi due mesi molti di noi hanno potuto verificare anche nella delusione e nel ripiegamento provocati dal sequestro e dall'affondamento di cambiaresipuò, reazioni che hanno riguardato una cerchia di persone impegnate in lotte, movimenti, iniziative civiche, progetti culturali, che vanno ben oltre la cerchia di chi aveva partecipato in vario modo alle assemblee.

Per questo, nella situazione di turbolenza politica, ma soprattutto di sconquasso economico e sociale che ci attende nei prossimi mesi, l'aggregazione delle tante forze che non si riconoscono in nessuna delle rappresentanze tra cui si sono visti costretti a scegliere mantiene intatta tutta la sua validità. Dopo questo fiasco le difficoltà sono maggiori, ma lo è anche la posta in gioco.



Tags: Guido Viale  il manifesto  Ingroia  Ferrero  PRC  PdCI  

You are here