Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Assediare i palazzi, non entrarci!

E-mail Stampa PDF

 

A difesa dell'art.18 la Fiom proclami sciopero generale! Assediare i palazzi, non entrarci! 

di Sergio Bellavita

 

Ancora un appello di Sergio Bellavita, della segreteria nazionale FIOM, perché il suo sindacato si assuma la responsabilità di organizzare lo sciopero generale e l’assedio delle due camere che devono approvare definitivamente la sostanziale cancellazione dell’articolo 18. Sarebbe tanto più necessario in un momento in cui il parlamento è sempre più screditato: non solo approva qualunque proposta indecente del governo Monti-Fornero, ma non esita neppure a negare l’autorizzazione all’arresto di un miserabile trafficante di voti e di milioni come Sergio De Gregori, con una larghissima maggioranza, quindi con l’apporto di decine di senatori del PD che hanno scelto di fare i “franchi tiratori” in nome di una squallida solidarietà di categoria. Bellavita conclude polemicamente che organizzare il presidio permanente dei palazzi, significa anche rifiutare di interloquire, come nell'iniziativa di sabato 9 proposta da Landini, con partiti di governo come il PD, al cospetto del quale il moderato Hollande è un temibile sovversivo. (a.m.7/6/12)

 

 

7.6.2012
Sarà  necessario aprire una riflessione profonda su quanto sta accadendo in questi ultimi  mesi sul terreno sociale. Sarà  necessario e impellente farlo per chi si pone il problema di verificare, fuori dalla retorica di piazza o mediatica, l'adeguatezza o meno della risposta che  è in campo rispetto alla inaudita gravità dell'attacco che viene portato da padroni governo e dai loro complici. Dobbiamo purtroppo constatare che stiamo procedendo a passo spedito verso la sconfitta sociale più cocente dal dopoguerra ad oggi e senza nessuna vera resistenza organizzata.
Al di là dei tempi della dinamica parlamentare, da qui a poche settimane lo screditato e mai cosi poco amato parlamento italiano approverà la sostanziale cancellazione dello Statuto dei diritti dei lavoratori, rendendo praticamente libero il licenziamento per instaurare, grazie al drammatico combinato disposto con la crisi e i suoi effetti, la paura nelle fabbriche, negli uffici.
Prima della necessaria riflessione vorrei però  si facesse di tutto per tentare di bloccare il Parlamento.
L'agenda dell'opposizione sociale è clamorosamente scarna di impegni. Sono programmati presidi davanti al parlamento venerdì 8, la Fiom sostiene iniziative il 13 e il 14.  Il 22 giugno il variegato mondo del sindacalismo di base ha proclamato sciopero ed è un fatto positivo sebbene non sia lo sciopero generale di cui abbiamo un disperato bisogno. Oggi solo la Fiom, grazie allo straordinario consenso che in questi due anni si è accumulato potrebbe rappresentare il perno su cui costruire un vasto fronte sociale. La proclamazione dello sciopero generale dei metalmeccanici avrebbe il pregio di aggregare tutte le soggettività resistenti. Produrrebbe nuove pressioni verso un gruppo dirigente cgil appagato dalla finta modifica sull'art. 18. 
Lo sciopero Fiom rimetterebbe al centro della discussione del paese l'art. 18, mentre oggi è del tutto evidente che in campo ci sono solo le pressioni di segno opposto, da Confindustria a settori politici. Lo sciopero Fiom potrebbe essere il volano per quella mobilitazione generale, prolungata che è resa necessaria dalla dimensione dello scontro.  Ma il segretario generale Landini ha detto no, prima in segreteria poi all'assemblea dei delegati Fiom, ad una nuova proclamazione di sciopero della sola Fiom dopo quello dello scorso 9 marzo. Capisco la necessità di chiedere conto ad una Cgil che proclama 16 ore di sciopero per non farle, ma se non lottiamo ora, prima che il parlamento cancelli l'art. 18,quando lo faremo?
Se non ora quando?
Dobbiamo proclamare sciopero generale e da subito organizzare il presidio permanente dei palazzi, evitando di interloquire, come nell'iniziativa di sabato 9, con partiti di governo come il PD, al cospetto del quale il moderato Hollande è un temibile sovversivo. I palazzi vanno presidiati, non bisogna entrarci.

 



Tags: FIOM  CGIL  Landini  Camusso  Bellavita  PD  Hollande  De Gregori  

You are here