Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cannavò: Grillo e la sinistra

E-mail Stampa PDF

Danzando sulle macerie

Dopo le elezioni siciliane e il grande successo di Grillo. Riflessioni per la sinistra alternativa (che purtroppo non c'è)

Salvatore Cannavò

Il quadro politico per quanto vischioso si va sempre di più chiarendo. Com'era prevedibile le elezioni siciliane, con la portata della loro scossa, hanno contribuito a stabilizzare una dinamica fortemente instabile e pur accentuando fibrillazioni e alimentando incertezze rendono più chiare molte cose. E aiutano a fare un'analisi della situazione in campo più concreta anche alla luce delle dinamiche di movimento o di giornate come quella del 27 ottobre.

Il fenomeno Grillo, come è evidente ai più - e a cui Edizioni Alegre ha dedicato una pubblicazione in libreria dal 7 novembre - è l'elemento trainante, la forza propulsiva del momento. Inutile girarci intorno, inutile cercare di frenare l'ascesa dei Cinque Stelle con polemiche residuali e di retroguardia - ad esempio vanno in questa direzione molte delle risposte istintive che provengono da sinistra - nella speranza di convincere qualcuno all'ultimo minuto. Grillo vincerà alla grande le prossime elezioni a prescindere da quale posizione occuperà, se primo, secondo o terzo. Invece di concentrarsi sulla sua natura, che verrà fuori nella sua interezza solo quando sarà veramente chiamato a rispondere a problemi concreti con una nutrita delegazione parlamentare, oggi è bene concentrarsi sulle radici di questo successo, sull'antefatto piuttosto che sul fatto.

Grillo è l'epifenomeno di una crisi della politica e della società italiane che non affonda solo nei venti anni berlusconiani ma che viene da prima. E' l'esplosione postuma dell'accumularsi di almeno tre crisi diverse e intrecciate che oggi presentano il conto.

La crisi del capitalismo italiano, spiazzato già all'inizio degli anni 90 dal processo di integrazione europea a cui ha partecipato in una posizione di debolezza, cercando di non essere tagliato fuori e, alla fine, dividendo le proprie forze tra un capitalismo a vocazione "nazionale" (quel filone che sul piano finanziario è stato guidato per anni da Cesare Geronzi, Antonio Fazio e che si è arenato con i "furbetti del quartierino", passando prima per un tentativo di alleanza con Berlusconi) e uno a vocazione "europea" (Prodi, Ciampi, Padoa Schioppa, Monti, Bazoli) che ha animato il centrosinistra e che ha cercato di tenere la rotta. Questa crisi è visibile agli addetti ai lavori nello scontro interno a Mediobanca (con l'obiettivo di controllare il forziere Generali) e ai più nelle vicissitudini della Fiat che, troppo improvvisamente e in ritardo, ha scoperto l'importanza dello scenario globale a cui ha deciso di accedere con un'operazione terrorizzante sul piano italiano.
Questa crisi non è stata risolta e produce una fibrillazione costante sul piano politico perché le forze dominanti del capitalismo italiano non riescono a trovare una strategia, dal loro punto di vista, utile e coesa. Si ritrovano sicuramente sul piano del rigore finanziario ma costituiscono il principale elemento di instabilità italiana con le loro continue oscillazioni e scontri interni, non ultimo quello che percorre, sotto traccia, Confindustria.

La seconda crisi, direttamente conseguente a questa, è quella della rappresentanza politica degli assetti dominanti. Chi rappresenta oggi i poteri forti? Il centrosinistra, certamente, è quello con le carte in regole ma, viste le divisioni dei primi che abbiamo cercato di tratteggiare, lo stesso Bersani che ha appoggiato politiche di lacrime e sangue si trova di fronte a un'opposizione irriducibile da parte di alcuni settori che arrivano fino al Corriere della Sera. E lo stesso Berlusconi, che pure è ormai spacciato sul piano politico, non è riuscito a cementare un blocco solido attorno al proprio decennale potere. Ecco perché avanza il tentativo di dotarsi di un "centro" di potere più solido e affidabile con l'ipotesi di una "lista Monti". Ma anche in questo caso la fibrillazione resta in agguato e infatti il progetto non riesce, gli sgambetti sono costanti (Montezemolo contro Casini, Passera contro Montezemolo contro cui si schiera anche De Benedetti, le banche che stanno a guardare, e così via) e le contraddizioni irrisolte.

A questa terza crisi si unisce la crisi della sinistra di classe. Pesa il fallimento di Rifondazione comunista dovuto alle scelte compiute tra il 2004 e il 2006. L'allora segretario del Prc, Fausto Bertinotti, disse che se non ci si alleava con Prodi e il centrosinistra "Rifondazione sarebbe stata spazzata via dalla politica". L'alleanza è stata fatta e Rifondazione è… stata spazzata via. La storia è nota, inutile tornarci. Quello che è più importante, e forse più serio, è che le vicende politiche congiunturali hanno messo a nudo una crisi e dei limiti che non erano mai stati risolti lungo tutti i venti anni circa di vita (significativa) del progetto della rifondazione. [ su questo si veda sul mio sito la recensione al libro di Salvatore Cannavò - Rifondazione mancata ] La capacità di costruire un piano alternativo e una conseguente "narrazione" dell'alternativa; gambe più solide nei conflitti; capacità di stare al passo con i cambiamenti generazionali; meno attaccamento nostalgico, in cambio di un'adesione più sostanziale, ai simboli e ai nomi. La sinistra di classe, come l'abbiamo conosciuta negli ultimi venti anni - sostanzialmente la stessa dei venti anni precedenti, almeno nei suoi gruppi dirigenti, negli slogan, nei programmi, nell'elaborazione culturale (a quando risale l'ultimo libro significativo?), nel modo di fare politica - ha mancato l'appuntamento con la crisi. Non l'ha prevista e nemmeno pensata, non ha saputo farsi trovare in una posizione "altra" e quindi credibile. Ha oscillato, sempre, tra l'attrazione fatale dell'unità a sinistra senza accorgersi che si trattava solo di unità per il governo di un paese capitalistico sull'orlo della crisi, ha rotto i suoi rapporti sociali in nome dell'istituzionalismo e delle carriere parlamentari e si è ritrovata ostaggio. Ostaggio del Pd, come oggi accade a Vendola e compagni, ostaggio degli eventi come accade a tutti gli altri.

Grillo emerge da tutto questo, è l'espressione di una crisi generalizzata e non risolvibile in breve tempo. E' il prodotto di un capitalismo che non ha molto da offrire, come è stato detto chiaramente nel corso della campagna elettorale siciliana. E' frutto di una politica allo sbando che, complessivamente, convince un elettore su due e che, proponendo di fatto le stesse politiche economiche, internazionali, sociali, educative, si espone a giusto titolo all'invettiva "sono tutti uguali". In effetti, sono tutti uguali come dimostra la forte convergenza tra "destra" e "sinistra" in Europa.

Vedremo come l'ex comico genovese se la caverà con la politica vera, quella per cui occorre offrire risposte e soluzioni quotidiane e costanti. Ad esempio, non abbiamo sentito una parola "grillina" sulla vicenda Fiat e sulla lotta degli operai della Fiom, oppure sulla scuola, sui docenti precari, etc. E in ogni caso, appare evidente che nel movimento 5 Stelle convivano ambizioni ed esigenze diverse: una carica di moralità pubblica, diverse istanze anticapitaliste e/o di ecologismo radicale, pulsioni di modernizzazione della società italiana, molta improvvisazione e una certa genuinità politica. Gran parte di queste tensioni avrebbero dovuto costituire linfa per una sinistra moderna, in grado di stare al passo con le trasformazioni della società, con le ibridazioni della coscienza, con le nuove domande di protagonismo e partecipazione. Una parte di queste istanze, del resto, erano visibili già dieci anni fa, al tempo del movimento "no global" quando, in Italia, Rifondazione mancò l'appuntamento di una sua trasformazione per divenire una sinistra anticapitalista del XXI secolo.

Se quanto qui detto è fondato, quindi, la ricostruzione di una sinistra di tal genere ha bisogno di quella "lenta impazienza" di cui poco ancora si è discusso (e quanto manca, in questa riflessione, l'apporto di una figura come Daniel Bensaid). Di progettare di nuovo, di pensieri e gambe lunghe. Nel dibattito che ci circonda, osserviamo una certa euforia per la giornata del 27 ottobre e per la sua riuscita. Eppure, il voto in Sicilia, la dinamica di Grillo, le ragioni che stanno alla base della crisi politica attuale, aiutano a relativizzare anche quella giornata, soprattutto per le sue caratteristiche di rappresentazione del passato, del già visto e il suo scarso respiro verso il futuro. Non si tratta di attivare una polemica quanto di riuscire a stare con in piedi per terra, tenendo fermo il ragionamento.

Come si ricostruisce sulle macerie è questione difficile su cui occorre diffidare dalle ricette troppo facili. Certamente occorrerà il laboratorio sociale e la nuda dinamica dei conflitti sociali e delle forme di nuova soggettività che da quelli potranno nascere. Le soggettività esistenti saranno utili se si metteranno al servizio e poi in discussione rispetto a quanto sarà dato dal flusso dei movimenti. Non saranno, nessuno dei soggetti oggi in campo, il fulcro attorno al quale nascerà il nuovo. Almeno fino a quando non cambieranno in profondità: nei linguaggi, nella cultura politica, nei simboli, nei gruppi dirigenti - per quanto tempo ancora dovremo vedere le piazze arringate da chi ha cominciato a far politica negli anni 60? - nelle forme della politica, nei messaggi inviati all'esterno.

Certo, per ricostruire occorre memoria e punti fermi. E' necessaria la "memoria dei vinti", la ricostruzione della storia fatta con i "se" e con i "ma" e la capacità benjaminiana di immedesimazione con i grandi sconfitti della storia. E punti fermi dati dalla consapevolezza che il capitalismo non si riforma e che per costruire una società alternativa occorre un processo democratico in cui l'emancipazione degli sfruttati sia opera degli sfruttati medesimi. I punti fermi servono e possono essere anche più di questi (si pensi al quadro internazionale delle lotte o all'assunzione del femminismo e dell'ecologismo come ipotesi dirimenti di una trasformazione) ma poi serve invenzione e capacità di movimento. Senza questi ingredienti dalla palude della crisi italiana non riusciremo a uscire e le macerie che sovrastano la nostra azione non le spostiamo nemmeno.