Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ucraina : quale vittoria?

E-mail Stampa PDF

di Catherine Samary

Quasi 80 morti sul selciato di piazza Maidan, diventati martiri di tutto un popolo in rivolta, hanno fatto cambiare atteggiamento a buona parte dell'apparato politico e di polizia del presidente Yanukovych, spingendolo a schierarsi "dalla parte del popolo". È questa la strada che conduce fuori dalla crisi?

Venerdì 21 Febbraio Il parlamento ha votato il ritorno alla Costituzione del 2004 contro l'evoluzione in senso presidenzialistico impresso dal regime, poi ha deciso la scarcerazione dell'oppositrice  liberale Yulia Tymoshenko in prigione da due anni. Denunciando un "colpo di Stato", Viktor Yanukovich ha abbandonato  Kiev  e sarebbe stato impedito di fuggire verso la Russia dalle guardie di frontiera, nella sua roccaforte di Donetsk. I deputati del Parlamento lo hanno proclamato la sua incapacità ad esercitare il  potere.

Il nuovo presidente del parlamento Oleksandr Turchinov(un fedele di  Yulia Tymoshenko) garantirà  legalmente le  funzioni di presidente ad interim in attesa delle elezioni previste per il 25 maggio. Un governo di "unità nazionale" dovrebbe essere nominato entro martedì.
Siamo di fronte alla fine della crisi aperta lo scorso novembre?

Una crisi multiforme

Anche se innescata dal rifiuto del presidente ucraino di firmare un accordo di associazione con l'UE (Unione europea), la crisi in realtà non ha visti schierati due fronti caratterizzati da programmi  opposti in modo chiaramente  definito, cioè  "filo-russo" contro "pro-UE". Da un lato, gli interessi economici che stanno dietro le sigle dei diversi partiti sono assai confusi: il Partito delle Regioni (quello del presidente) aveva condotto  una campagna a sostegno dell'accordo con l'UE ; dal canto suo la "liberale" Yulia Tymoshenko, originaria di Dnepropetrovsk, nella regione dell'est russofono, si dice sia molto rispettata da Putin ed ha concluso parecchi affari con la Russia.

Inoltre, il Paese - nonostante le sue reali divisioni linguistiche regionali, religiose, storiche e politiche - è per lo più assai attaccato alle proprie  conquiste democratiche e alla sua indipendenza nazionale, anche nella zona russofona. Infine, contrariamente alla "rivoluzione arancione" del 2004, la mobilitazione popolare ha un atteggiamento di sfiducia nei confronti di tutti i partiti politici parlamentari. In particolare, val la pena ricordare come la  mobilitazione si sia sviluppata massicciamente  nel dicembre 2013 come reazione  alla violenza dei  Berkuts (le forze di sicurezza), esprimendo preoccupazione verso un regime sempre più presidenziale, retto da una "famiglia" oligarchica, e il timore che un riavvicinamento a Mosca potesse aggravare ulteriormente queste caratteristiche del regime

Una illustrazione esemplare  di questa confusa situazione: il voto, in gennaio,  delle leggi repressive nell'ambito di un grande disordine parlamentare - e, poi, il loro ritiro - al quale sono seguite continue richieste di intervento  dell'esercito e di "fermezza" contro le occupazioni di edifici pubblici;  tuttavia questi ultimi sono stata spesso occupati  senza suscitare scontri, in molte città addirittura con il sostegno delle forze di sicurezza del regime...

Infine, in assenza di una alternativa di sinistra  credibile - rafforzata anche  dalle divisioni sull'atteggiamento da adottare nei confronti di questo movimento - il peso della estrema destra (soprattutto nella parte occidentale e centrale del paese) ha ulteriormente confuso le carte  di un'ampia  mobilitazione popolare che ha espresso una  concreta simpatia  per il coraggio dei giovani che hanno affrontato gli odiati Berkuts.

 
Fine della crisi o aumento del rischio di separatismo?

La settimana di violenza sanguinaria ha di fatto permesso la vittoria della prospettiva dei manifestanti favorevoli alle dimissioni immediate del presidente Yanukovych e di modifiche costituzionali. Questa è prima di tutto la loro vittoria, pur restando estremamente confuse le prospettive future.

L'Ucraina è sull'orlo del fallimento. Le sue riserve valutarie equivalgono a  due mesi di importazioni.  L'"aiuto" dell'FMI avrebbe conseguenze sociali  esplosive. Il prestito russo di 11 miliardi di euro e la promessa di una diminuzione dei prezzi del gas sono congelati fino alla formazione di un governo - con le minacce russe di misure protezionistiche contro le importazioni ucraine nel caso in cui Kiev firmasse un accordo  con l' UE. Gli Stati Uniti ed i  diplomatici europei affermano di voler coinvolgere la Russia nella ricerca di soluzioni: la situazione sarebbe dunque cambiata dallo scorso novembre?

L'integrazione del partito Svoboda - il cui nazionalismo etnico valorizza l'Ucraina "europea" contro la non-Ucraina "asiatica" di lingua russa - nel "governo di unità" aggrava in modo drammatico il rischio di scontro nel paese, fino in Crimea: i Tartari, in passato, in passato espulsi da Stalin, hanno sostenuto la rivolta di Maidan contro i Russi (60% della popolazione) in una penisola che è anche una base militare di Mosca. La secessione del paese non è quindi esclusa, pur essendo questa ben lontana dalle aspirazioni popolari.

(24 febbraio 2014)
Traduzione della redazione di “Solidarietà” del Cantone Ticino