Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Attualità e Polemiche --> Medio Oriente e mondo arabo-islamico --> Galeano: Il castigo perenne

Galeano: Il castigo perenne

E-mail Stampa PDF

Eduardo Galeano

Di fronte alla nuova offensiva israeliana contro Gaza, CubaDebate ha ripreso un magistrale testo di Eduardo Galeano, pubblicato nel novembre del 2012, e tristissimamente attuale. È stato ripreso anche da Resumen Latinoamericano e in Italia dal "manifesto", che ha però eliminato inspiegabilmente l’inizio e l’ultima parte, dal riferimento alla Germania minacciata dalla Polonia nazista in poi. La traduzione delle parti reintegrate, [tra parentesi quadre] è mia. Colgo l'occasione per segnale un altro testo, anch'esso di qualche anno fa, tragicamente attuale:

Ebrei e palestinesi nella storia: miti e realtà

(a.m.)

[Per giustificarsi il terrorismo di Stato fabbrica terroristi: semina odio e raccoglie alibi. Tutto indica che questa macelleria di Gaza, che secondo i suoi autori vorrebbe farla finita con i terroristi, riuscirà a moltiplicarli.]

Dal 1948 i pale­sti­nesi vivono con­dan­nati a un’umiliazione perenne. Non pos­sono nean­che respi­rare senza avere il per­messo. Hanno perso la patria, la terra, l’acqua, la libertà, tutto. Tan­to­meno hanno diritto a eleg­gere i pro­pri gover­nanti. Quando votano quelli che non devono votare, ven­gono casti­gati. Gaza adesso viene casti­gata. L’hanno tra­sfor­mata in una trap­pola senza uscita, da quando Hamas ha vinto in modo tra­spa­rente le ele­zioni del 2006. Qual­cosa di simile è suc­cesso nel 1932, quando il Par­tito comu­ni­sta ha trion­fato nelle ele­zioni in Sal­va­dor.
Affo­gati nel san­gue, i sal­va­do­re­gni hanno espiato la loro cat­tiva con­dotta e da allora hanno vis­suto sot­to­messi alle dit­ta­ture mili­tari. La demo­cra­zia è un lusso che non tutti meri­tano.

Sono figli dell’impotenza i razzi che i mili­tanti di Hamas, rin­chiusi a Gaza, spa­rano con pun­ti­gliosa impe­ri­zia sulle terre che erano pale­sti­nesi e che sono state usur­pate dall’occupazione israe­liana.
E la dispe­ra­zione, al limite della fol­lia sui­cida, è la madre delle bra­vate che negano il diritto all’esistenza di Israele, grida senza nes­suna effi­ca­cia, men­tre l’efficacissima guerra di ster­mi­nio sta negando, da molti anni, il diritto all’esistenza della Pale­stina.
E di Pale­stina ne rimane poca.
Passo dopo passo, Israele la sta can­cel­lando dalle mappe. I coloni inva­dono, e intanto i sol­dati cor­reg­gono la fron­tiera. Le pal­lot­tole con­sa­crano lo spo­glio dei resti, per legit­tima difesa.
Non c’è guerra di aggres­sione che non dica di essere per difesa. Hitler invase la Polo­nia per evi­tare che la Polo­nia inva­desse la Germania.

[Bush ha invaso l’Iraq per evitare che l’Iraq invadesse il mondo. In ciascuna delle sue guerre difensive Israele si è mangiato un altro pezzo di Palestina, e i banchetti continuano. Questa voracità si giustifica con i titoli di proprietà concessi dalla Bibbia, con i duemila anni di persecuzioni subite dal popolo ebraico, e con il panico che suscitano i palestinesi in agguato.

Israele è il paese che non rispetta mai le raccomandazioni o le risoluzioni dell’ONU, che non accetta mai le sentenze dei tribunali internazionali, e che si burla delle leggi internazionali, ed è anche l’unico paese che ha legalizzato la tortura dei prigionieri. Chi gli ha regalato il diritto di negare tutti i diritti? Da dove viene l’impunità con cui Israele sta eseguendo il massacro di Gaza? Il governo spagnolo non avrebbe mai potuto bombardare impunemente il paese basco per farla finita con l’ETA, né il governo britannico avrebbe potuto radere al suolo l’Irlanda per liquidare l’IRA. Forse la tragedia dell’Olocausto comporta una polizza di eterna impunità? O questo semaforo verde deriva dalla potenza più forte, che ha in Israele il più incondizionato dei suoi vassalli?

L’esercito israeliano, il più moderno e sofisticato del mondo, sa chi uccidere. Non uccide per errore, uccide per orrore. Le vittime civili si chiamano danni collaterali, secondo il dizionario di altre guerre imperiali. A Gaza, di ogni dieci “danni collaterali”, tre sono bimbi. E sono ormai migliaia i mutilati, vittime della tecnologia dello squartamento umano che l’industria militare sta sperimentando con successo in questa operazione di pulizia etnica. E come sempre, sempre lo stesso a Gaza, cento per uno. Per ogni palestinesi morti, un israeliano.

Gente pericolosa, segnala l’altro bombardamento, quello dei grandi mezzi di manipolazione di massa, che ci invitano a credere che una vita israeliana vale quanto cento vite di palestinesi. E questi media ci invitano anche a credere che sono umanitarie le duecento bombe atomiche di Israele, e che fu una potenza atomica chiamata Iran quella che annientò Hiroshima e Nagasaki.

La cosiddetta comunità internazionale, esiste? È qualcosa di più e di diverso da un club di mercanti, banchieri e guerrieri? È qualcosa di più del nome d’arte che gli Stati Uniti assumono quando fanno teatro?

Di fronte alla tragedia di Gaza, l’ipocrisia mondiale brilla una volta di più. Come sempre, l’indifferenza, i discorsi vuoti, le dichiarazioni vacue, le proclamazioni altisonanti, gli atteggiamenti ambigui rendono un tributo alla sacra impunità. Di fronte alla tragedia di Gaza i paesi arabi si lavano le mani, come sempre. E come sempre i paesi europei si fregano le mani. La vecchia Europa, così capace di bellezza e perversità, sparge qualche rara lacrima, mentre segretamente si compiace per questa giocata da maestri. Perché la caccia agli ebrei fu sempre un costume europeo, ma da mezzo secolo questo debito storico viene fatto pagare ai palestinesi, che sono semiti anche loro e mai sono stati, né sono, antisemiti. Sono loro che stanno pagando in sangue sonante e contante, un conto altrui.]

 

 



Tags: Cuba  Galeano  Gaza  Israele  imperialismo  

You are here Attualità e Polemiche --> Medio Oriente e mondo arabo-islamico --> Galeano: Il castigo perenne