Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Attualità e Polemiche --> Imperialismi --> Nessun taglio alle velleità imperialiste dell’Italia

Nessun taglio alle velleità imperialiste dell’Italia

E-mail Stampa PDF

 

Una puntuale nota di Antonio Mazzeo ci informa su un episodio minore che tuttavia conferma che il governo italiano continua a non lesinare spese per la velleità di affermarsi come potenza imperialista di primo piano. Senza esserlo veramente: non a caso la rivista Analisi difesa lamenta che, “a differenza dei velivoli statunitensi quelli italiani continuano a operare disarmati dal momento che Washington non ha ancora autorizzato la cessione dei kit di armamento all’Aeronautica militare”. Abbiamo evidentemente bisogno sempre di “autorizzazione superiore” per certi tipi di armamento, e intanto continuiamo a mettere il naso con i “nostri ragazzi” in vicende di cui quasi tutti gli italiani conoscono ben poco.

In questo contesto, si utilizza come pretesto la “pirateria somala” anche quando è un fenomeno marginale di dimensioni ridottissime. In realtà l’obiettivo è aiutare a formarsi e consolidarsi un “governo amico”, come è stato tentato fin dalla prima missione umanitaria dell’Italia contemporanea, quella del Libano del 1982, che lasciò massacrare i palestinesi inermi di Sabra e Chatila, rivelando che il suo scopo era solo quello di puntellare la presidenza del fascista Gemayel. Sarebbe bene ricordarsene, anche per evitare che le ondate di sciovinismo periodicamente riproposte in modo rigorosamente tripartisan a proposito dei due marò assassini vengano utilizzate per aumentare la presenza italiana in altri mari lontani. O per parlarne bisogna aspettare di vedere qualche giornalista o tecnico italiano decapitato per assurda ritorsione in uno dei paesi in cui siamo già presenti militarmente o con aziende come l’ENI? (Il tripartisan si riferisce ovviamente all’attiva collaborazione del M5S ai discorsi retorici delle altre due componenti del parlamento sui marò e a quelli ambigui sugli immigrati che portano le malattie…).

A proposito di marò: il comportamento di Roberta Pinotti è difficilmente distinguibile da quello dei suoi predecessori al ministero della “difesa” Ignazio La Russa, o Giampaolo Di Paola. Nessuno si domanda quanto ci è costata la bravata del tirassegno sui pescatori indiani fatto dai due marò di cui almeno uno, Massimiliano Latorre era notoriamente fascistissimo (come confermato dall’esplosione razzista di sua figlia, così violenta che ha poi dovuto attenuarla e di fatto ritrattarla attribuendola a presunti hacker).

Quanti viaggi con aerei speciali a disposizione di ministri, sottosegretari, parlamentari di tutti gli schieramenti? Ora la sollecita Pinotti si è portata inutilmente appresso perfino un’équipe di medici militari e civili che avrebbero dovuto confermare che il lieve malore del marò giustificava il rientro immediato in patria dell’eroe (la villa dell’ambasciata italiana a New Delhi evidentemente non assicura tutti i confort che ritiene di meritare…). Inutilmente, perché sono arrivati quando i medici locali avevano già rispedito l’eroe infermo nella villa in cui risiede. E tutto questo sperpero di risorse per assicurare l’impunità a un paio di mercenari, mentre non si trovano per risolvere il problema di alcune migliaia di lavoratori della scuola privati del diritto alla pensione da un errore dello staff della incredibile “tecnica” Fornero!

P:S: Dimostrando la sua assoluta impreparazione per gli “alti” compiti a cui Renzi l’ha destinata, la Mogherini (oltre a smentire la sua fama di “moderata” nei confronti della Russia) ha subito cercato di coinvolgere tutta l’Europa nella vicenda dei due marò. Ma questo sconcio è possibile perché non c’è una sola voce in parlamento (e pochissime fuori) che si oppongano a questa assurda e pericolosa campagna sciovinista e vittimista centrata sull’apologia dei due marò e della “nostra missione nel mondo”.

(a.m.3/9/14)

 

Droni, marò e parà italiani contro pirati e shabab somali

di Antonio Mazzeo

Nuova e pericolosa escalation militare italiana in Corno d’Africa. Secondo quanto pubblicato dalla rivista specializzata Analisi difesa, meno di un mese fa due velivoli-spia a pilotaggio remoto del 32° Stormo dell’Aeronautica militare, di stanza ad Amendola (Foggia), sarebbero stati schierati a Gibuti nell’ambito della missione antipirateria dell’Unione Europea “Atalanta”. I velivoli però opererebbero presumibilmente anche a favore delle forze governative somale in lotta contro le milizie di Al Shabab. I droni italiani sarebbero del modello Predator A “Plus”, utilizzati dall’Aeronautica nello scacchiere di guerra afgano, in Libia e nel Mediterraneo contro le imbarcazioni dei migranti. Realizzati dalla società statunitense General Atomics, i Predator possono volare a una velocità di crociera di 160 Km/h, con un’autonomia di 24 ore e sino a 926 km di distanza dalla base di partenza; sono dotati di sofisticati radar e sensori elettro-ottici che consentono ampi interventi di ricognizione, sorveglianza e “acquisizione obiettivi”. A Gibuti i due velivoli opererebbero attualmente dallo scalo aereo di Chabelley, località a sei miglia e mezzo di distanza a sud ovest della capitale. Dal settembre 2013 da Chabelley operano pure cinque droni killer Predator “MQ-1 Reaper” delle forze amate Usa, impiegati per i bombardamenti in Yemen e Somalia. “A differenza dei velivoli statunitensi quelli italiani continuano a operare disarmati dal momento che Washington non ha ancora autorizzato la cessione dei kit di armamento all’Aeronautica militare”, scrive Analisi difesa. Dei Predator tricolori, uno solo sarebbe stato assegnato all’Operazione “Atalanta” per raccogliere immagini e dati sulle imbarcazioni dei “pirati” diretti a intercettare e abbordare i mercantili in transito in acque somale. “Il secondo Predator viene mantenuto in riserva per rimpiazzare il drone gemello o forse per compiti diversi da quello antipirateria”, spiega la rivista militare. “Oltre a guidare la missione Atalanta in Corno d’africa, l’Italia detiene infatti anche il comando della missione di addestramento EUTM Somalia che a Mogadiscio addestra e offre consulenza alle forze dell’esercito somalo. Non si può escludere che uno dei  Predator italiani possa venire impiegato per fornire informazioni sui movimenti militari dei miliziani qaedisti Shebab”.

EUTM Somalia (European Union Training Mission to contribute to the training of Somali National Security Forces) venne lanciata nel 2010 dall’Unione europea; oggi è condotta in stretto collegamento con il Comando militare statunitense per il continente africano (US AFRICOM) ed AMISOM, la missione dell’Unione africana che vede schierati in Somalia più di 17.000 uomini di Uganda, Kenya, Burundi, Sierra Leone e Nigeria. Ad EUTM Somalia partecipano militari di dieci Paesi (Italia, Germania, Svezia, Ungheria, Spagna, Belgio, Finlandia, Olanda e Portogallo e Serbia); l’Italia fornisce circa il 50% del personale (78 unità), tra cui il comandante e il vicecomandante della missione, i paracadutisti del 186° reggimento della Brigata “Folgore” e gli addestratori dell’Esercito e dell’Arma dei Carabinieri. I programmi gestiti a Mogadiscio dagli istruttori della missione EUTM Somalia e dai consiglieri militari statunitensi puntano in particolare all’addestramento dei militari somali in attività anti-insurrezione e anti-terrorismo e al “combattimento in ambiente urbano”. Nell’arco del 2014 è previsto complessivamente l’addestramento di 1.850 militari. Altri 32 istruttori dell’Arma dei Carabinieri, affiancati da un team dell’Unione Africana composto da militari di Ghana e Nigeria, operano da febbraio presso l’Accademia di Gibuti per “formare” la polizia locale. Sempre a Gibuti, in pieno deserto, è operativa una base logistica italiana di 5 ettari, utilizzata dai distaccamenti di Fucilieri di Marina in transito per gli imbarchi sui mercantili con compiti di scorta antipirateria e dai reparti dell’Esercito diretti a Mogadiscio. Realizzata dal 6° Reggimento Genio pionieri di Roma, l’infrastruttura è stata inaugurata ufficialmente il 27 ottobre 2013 alla presenza del capo di Stato maggiore della Difesa, ammiraglio Luigi Binelli Mantelli. “Questo avamposto è la prima vera base logistica operativa permanente delle forze armate italiane fuori dai confini nazionali e sorge in un’area destinata ad essere più importante e strategica di Suez e di Gibilterra”, ha dichiarato Binelli Mantelli. Il mantenimento della base costa ai contribuenti italiani non meno di tre milioni di euro l’anno ed è presidiata attualmente da un plotone del 3° reggimento dei Bersaglieri.

La durata della missione dei droni dell’Aeronautica militare a Gibuti non è nota ma di certo si estenderà per i prossimi sei mesi, periodo in cui la flotta navale dell’’Operazione “Atalanta” sarà sotto il comando italiano. Approvata nel dicembre 2008 dal Consiglio dell’Unione europea per contrastare la pirateria somala nel Mar Rosso, nel Golfo di Aden e nell’Oceano Indiano, la missione navale vede attualmente la presenza del cacciatorpediniere lanciamissili “Andrea Doria” (nave ammiraglia con 208 unità), quattro fregate (una olandese, due spagnole e una tedesca), una rifornitrice di squadra tedesca e uno staff formato da 34 ufficiali e sottufficiali appartenenti a 12 differenti nazioni (Belgio, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Olanda, Portogallo, Romania, Serbia e Spagna). Le operazioni antipirateria della Marina militare italiana sono state finanziate quest’anno con 50 milioni di euro. Un impegno oneroso che non è giustificato dal reale pericolo rappresentato oggi dalla pirateria in Corno d’Africa. Secondo i dati diffusi dall’International Maritime Bureau, nei primi 6 mesi del 2014 gli assalti o le rapine armate ai danni di navi mercantili sono stati 116, contro i 138 registrati nello stesso periodo del 2013. Dieci soli, però, sono stati imputati ai pirati somali.

Ai costi delle missioni anti-pirateria si aggiungono i 25 milioni di euro per la partecipazione italiana ad EUTM Somalia e alle altre iniziative dell’Unione europea per la “Regional maritime capacity building” in Corno d’Africa e nell’Oceano indiano, per il funzionamento della base militare a Gibuti e per l’impiego di personale militare in attività di addestramento delle forze di polizia somale. Nell’ambito dell’accordo sottoscritto tra le forze amate italiane e quelle di Gibuti, è stata prevista inoltre la consegna a titolo gratuito al paese africano di 6 blindati 4x4 “Puma” e di una decina di obici semoventi M-109L da 155 millimetri prodotti da Oto Melara, dismessi in Italia dopo l’acquisto dei nuovi semoventi Pzh-2000. I mezzi da guerra hanno fatto la loro comparsa nelle strade di Gibuti lo scorso 27 giugno, giorno in cui ricorreva l’indipendenza del piccolo Stato africano. Sempre a fine giugno a Mogadiscio, il comando del team italiano operativo in Somalia ha donato al locale Ministero della difesa tre veicoli minivan per consentire una “migliore mobilità” ai militari somali impiegati nel conflitto che impera da tempi immemorabili nell’ex colonia italiana.

Antonio Mazzeo



You are here Attualità e Polemiche --> Imperialismi --> Nessun taglio alle velleità imperialiste dell’Italia