Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Attualità e Polemiche --> Imperialismi --> Dobbiamo rimpiangere Andreotti?

Dobbiamo rimpiangere Andreotti?

E-mail Stampa PDF

 

L’avventurismo del governo nell’affrontare la delicatissima questione della Libia non appare minore per la brusca frenata di Renzi, che ha umiliato le vallette e i quacquaracquà di cui si circonda, senza sconfessarli però davvero per le loro dichiarazioni irresponsabili. D’altra parte, per quanto il premier ci abbia abituato a spudorate giravolte e ritrattazioni implicite, questa volta era imbarazzato perché aveva dato proprio lui appena il giorno prima il là dicendo che bisognava affrontare la questione in Libia (probabilmente però pensava solo ad arginare e cavalcare la campagna delle destre e in particolare di Salvini sui migranti da rispedire indietro). Comunque, dopo aver annunciato un intervento militare, non farlo non attenua le possibili reazioni.

D’altra parte, se si parla di una coalizione prima di averla preparata con un paziente lavoro di cui le suddette vallette non hanno nemmeno l’idea, è evidente che le conseguenze di iniziative estemporanee e incontrollabili di uno dei membri della possibile coalizione ricadranno su tutti quelli che hanno aperto bocca e minacciato, anche se a vuoto. Così le vittime (sicuramente in gran parte estranee all’IS) dei bombardamenti dell’aviazione del generale al Sissi a Derna, per le loro vendette se la prenderanno anche col primo italiano che troveranno.

Nulla di più sconsiderato infatti del rispondere con i bombardamenti a una esibizione di simboli dell’IS in un video, a una sfilata di Suv catturati in uno dei mille depositi abbandonati, alla trasmissione di una videocassetta di propaganda da una TV locale. Solo un feroce dittatore militare abituato a sparare sul proprio stesso popolo può pensarlo. L’IS in Libia è ancora una minoranza, attiva sul piano della propaganda (compresa quella volutamente provocatoria delle esecuzioni in video), ma che vive in mezzo alla popolazione. Bombardare le presunte basi dell’IS aggiunge sicuramente sofferenze a molti innocenti e peggio ancora dà una parvenza di legittimità alla lotta degli integralisti. Ad al Sissi questa impresa serve comunque per contrattare l’acquisto - a condizioni di favore - di altri 25 cacciabombardieri dalla Francia mentre a noi, ancora largamente presenti sul territorio a custodire non i bidoni di petrolio, ma gli impianti dell’ENI, rimarrà il ruolo di bersagli per le controvendette. Lì e altrove, non ci illudiamo.

Ma c’è un altro aspetto. Montare e ingigantire propagandisticamente episodi come quello di Copenhagen (realizzato da un ventenne “lupo solitario” nato e cresciuto in loco) non solo non fa percepire la vera dimensione del pericolo dell’integralismo in Europa e la difficoltà a contrastarlo, ma accresce la falsa sensazione di essere entrati fatalmente in un conflitto generalizzato. Con in più il sottoprodotto aberrante della esaltazione di squilibrati che credono sia una nobile manifestazione della libertà di pensiero fare vignette umoristiche che non fanno ridere nessuno, ma offendono anche i più pacifici credenti islamici associando uno dei loro simboli più rispettati (e non rappresentabili) ad animali considerati nella loro cultura particolarmente “impuri”. Così alla fine appare logico gridare all’armi, all’armi, credendosi entrati in una guerra di tutti contro tutti.

Non è comunque un’invenzione della banda renziana la subordinazione della politica estera a miopi considerazioni di politica interna, finendo per credere alla stessa propaganda di “distrazione di massa” organizzata grazie a giornalisti eternamente embedded: la guerra di Libia nel 1911 cominciò per sperimentare come si può violentare un parlamento, e ingannare quella piccola parte della popolazione che si orienta sui giornali “indipendenti”, tutti spudoratamente bellicisti. Doveva essere una marcia trionfale tra popolazioni osannanti, e cominciò subito a riscaldarsi con la batosta di Sciara Sciat, e si concluse solo, a caro prezzo, oltre venti anni dopo. Servì poi come prova generale per portare l’Italia in una guerra inutile e dannosa, nel maggio 1915, e come copione per la Marcia su Roma. Ma della Libia ho parlato spesso, controcorrente, in molti articoli. Ne ho scelti alcuni quasi a caso, a cui rinvio:  Il difficile nodo della Libia* e Italia e Libia, un rapporto pericoloso, e Gli errori di Gheddafi e i crimini dell'Italia.

Ho parlato dell’assurdità dei bombardamenti egiziani a Sirte (“per vendetta”), e credo che non basti affatto non avervi partecipato, un governo decente avrebbe dovuto condannarli. Ma come lo può fare se in Iraq e in Afghanistan, e prima in Somalia, abbiamo fatto lo stesso?

Da un pezzo temo che l’irresponsabile partecipazione italiana a imprese imperialiste scriteriate possa portare a ritorsioni tremende su cittadini innocenti. Se il terrorismo islamico avesse anche solo un decimo della forza che gli viene attribuita dai vari “specialisti” che imperversano sui grandi quotidiani, già lo avrebbe fatto con facilità.

Il titolo di quest’articolo è ovviamente ironico, ma non del tutto. Andreotti non era “filoarabo” come veniva rappresentato abitualmente (penso a due famosi numeri di Espresso e Panorama che nella stessa settimana lo misero in copertina con una kefia). Era un abile e prudente esponente dell’imperialismo italiano, consapevole dei suoi limiti e attento a non farsi trascinare in insensate imprese altrui. Non lo rimpiangiamo, ma Renzi & C., personaggi di quint’ordine, come ha scritto Angelo del Boca, non gli arrivano alla caviglia.

Ma è ancora più scandaloso che per meschine gelosie di palazzo (quando si è circondati da nani, tutto fa ombra) Renzi e i suoi predecessori abbiano ignorato l’offerta da parte di molti esponenti libici di un ruolo di mediatore a un uomo esperto e rispettato da altri governi di paesi imperialisti come Romano Prodi. Da lui sono lontanissimo, non meno che da Andreotti, e non dimentico che preparò la guerra in Afghanistan non meno di chi la portò avanti dopo la sua caduta, ma per lo meno non doveva cercare sul tablet dove si trova la Libia, come devono fare certi esponenti della corte renziana...

Soprattutto perché alla guerra si continua a pensare, indipendentemente dalle frenate renziane: molte pagine del “Corriere della sera” di ieri, ad esempio, esaltavano il ruolo dei nostri militari nel mondo: e una carta che occupava metà pagina non era sufficiente a rappresentare tutte le nostre presenze, dal Mali e la Repubblica Centroafricana ai Balcani (un po’ tutti), dalla Georgia al Darfur, dal Libano all’Afghanistan. E, naturalmente, alla Libia, dove anche dopo il ritiro dei funzionari dell’ambasciata con la loro scorta di Suv, almeno un centinaio di carabinieri e paracadutisti sono rimasti a presidiare i bidoni… (pardon, a fornire “assistenza e formazione nell’ambito delle ricostruzione”). Quanto basta per trasformare ogni italiano in un possibile bersaglio…

(a.m.17/2/15)



Tags: Libia  Gheddafi  Renzi  Andreotti  Del Boca  Pinotti  Egitto  Gentiloni  

You are here Attualità e Polemiche --> Imperialismi --> Dobbiamo rimpiangere Andreotti?