Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La nostra barbarie

E-mail Stampa PDF

La barbarie non è un pericolo “imminente”, è già tra noi, senza veli. In nome delle difesa della nostra civiltà, ad esempio, i governanti europei danno carta bianca (e quattro miliardi di euro, anche aumentabili) a Erdogan, perché provveda con la massima brutalità di cui è capace a rinchiudere in campi di concentramento gli sventurati fuggiti dall’orrore della guerra in Siria. Come l’Italia aveva cominciato a fare, da sola, con Gheddafi, al tempo del suo idillio con Berlusconi, per fermare chi fuggiva alla desolazione dell’Africa subsahariana.

In nome della stessa “difesa dal terrorismo” il governo del socialista Hollande (punta di lancia di un vasto schieramento) vieta ogni manifestazione pacifica per chiedere un impegno minimo in difesa dell’ambiente al consesso di inquinatori e dittatori sanguinari riuniti a Parigi. E col pretesto di qualche decina di maniaci dello scontro muscolare (veri o arruolati per una comparsata davanti alle telecamere) aggredisce migliaia di pacifici manifestanti, ambientalisti ed anticapitalisti, arrestando tra gli altri il portavoce e candidato del NPA alle presidenziali Olivier Besancenot. E subito tutti i giornalisti embedded della carta o del video anche da noi si sono precipitati a denunciare un inesistente sacrilegio, perché per sfuggire alle cariche della polizia qualcuno (oltre alla polizia stessa) avrebbe calpestato i fiori o le candele…

Ma la barbarie è arrivata da molte direzioni: basta confrontare da una parte il linciaggio morale del preside di Rozzano reo di non aver concesso l’intervallo per la ricreazione a qualche mamma beghina che voleva utilizzarlo per insegnare nella scuola i canti natalizi, dall’altra la continua esaltazione dell’assassino che nella stessa zona della periferia milanese ha ucciso un ladruncolo disarmato e in fuga. Lo sparatore passa da una TV all’altra, rilasciando truci esaltazioni del suo gesto, mentre il povero preside non riesce a far sentire la sua semplice spiegazione del suo atto perfettamente legittimo, perché i telegiornali sono inondati dalla cacofonia dei canti della Gelmini e delle urla di Ignazio Benito La Russa che fanno cagnara davanti alla scuola (risultata tra l’altro fatiscente, ma il bisogno di sicurezza passa in secondo e terzo piano, rispetto al bisogno di imporre arcaici canti religiosi). Il preside, non sostenuto che da qualche madre dei suoi alunni e da qualche insegnante, è stato costretto a dimettersi.

E si potrebbe continuare a lungo con l’elenco. Ho ridotto ormai a tre o a quattro i quotidiani che leggo, ma in questi giorni mi capita sempre più spesso di gettarli via per disperazione appena sfogliati, per rifugiarmi nella lettura corroborante del Dizionario filosoficodi Voltaire, anche se non posso poi non pensare con orrore a quanto grande è stato l’arretramento culturale che in pochi decenni ha cancellato secoli di conquiste civili.

Ad esempio ci stanno imbottendo di chiacchiere sul Giubileo, che deve essere un “grande evento” per definizione, come l’Expo15, che riguarderebbe quindi tutti gli italiani o almeno tutti gli abitanti di Roma. In realtà la quasi totalità degli italiani (cattolici di nome ma indifferenti nella realtà) ignora tutto di questa celebrazione. Raramente sa che è stata inventata da un papa avidissimo come Bonifacio VIII (che Dante aveva già rappresentato ficcato a capofitto nell’inferno) e che risale quindi non alle origini del cristianesimo, ma al 1.300, e che è una delle tante invenzioni collegate a quella del purgatorio (mai nominato nei libri sacri riconosciuti fino al concilio di Trento), che “cominciò a valere tanto denaro per quelli che detenevano il potere di aprirne le porte”. La definizione è di Voltaire, che precisa poi che “la cancelleria romana fissò addirittura una tariffa per l’assoluzione dei morti”. Ma Voltaire oggi è lontanissimo…

Eppure ricordo benissimo che nell’“Anno santo” 1950, vivente il pessimo Pio XII, fui trascinato da mio padre a varcare le quattro porte delle basiliche che assicuravano l’indulgenza plenaria. Ero appena dodicenne ma cominciavo ad avere i primi dubbi sulla religione, che si consolidarono negli anni immediatamente successivi spingendomi a dedicarmiormai divenuto convintamente ateoagli studi storico religiosi. Ma ricordo bene soprattutto che non c’era nessuna partecipazione straordinaria di masse al Giubileo, pur nell’Italia democristianissima di allora, mentre oggi tutti ripetono il mantra del “grande evento”, che è stato utilizzato perfino per far fuori un sindaco mediocre ma non cortigiano. E, naturalmente, per spillare dalle casse semivuote dello Stato altri soldi per una celebrazione religiosa che in un paese civile dovrebbe essere a carico esclusivo degli interessati.

Che sono ovviamente quelli che ci guadagneranno se, nonostante il timore per possibili attacchi “terroristi”, l’afflusso di pellegrini ci sarà e si concentrerà negli immensi alberghi spacciati per istituti religiosi, che continuano a incassare soldi senza pagare il dovuto. Il tutto in nome di una presunta “alta missione morale” di cui il Vaticano si presenta come unico depositario, nonostante i dubbi manifestati dallo stesso papa Francesco, che ha parlato apertamente di corruzione in Vaticano, e ha evocato perfino lo spettro di Lucrezia Borgia (che nessun predecessore aveva mai nominato). Ovviamente la Francesca Immacolata Chaouquí non è nemmeno una caricatura di Lucrezia Borgia, (ne ho già parlato in Segreti del Vaticano e vergogne dello Stato), ma semplicemente la testimonianza di quanto siano forti i legami tra la curia e il mondo degli affaristi senza scrupoli.

Come sorprendersi se anche in molti paesi islamici con una tradizione laica c’è chi alimenta il ritorno di forme intolleranti che in passato erano state marginali e a volte non c’erano mai state? Ho già accennato al caso dell’Iran nei brevi cenni storici nell’articolo Gli Stati imperialisti si dividono i compiti ma il DAESH si rafforza  ma l’argomento è valido anche per molti altri casi. Ad esempio per l’emarginazione della componente marxista e comunque laica della rivoluzione palestinese, che era invece maggioritaria nella sua fase ascendente, e vedeva fianco a fianco dirigenti provenienti da diverse appartenenze religiose familiari (ad esempio i cristiani Hawatmeh e Abbash nel FDLP e FPLP, e anche qualche ebreo), e che invece ha visto emergere tendenze islamiste radicali e intolleranti come Hamas e la Jihad islamica, solo perché queste continuavano la lotta che la maggioranza dell’OLP aveva abbandonato. E ancor più vale per l’Algeria, di cui ho parlato ampiamente in molte pagine del mio libro Libano e dintorni. Integralismo islamico ed altri integralismi, facilmente consultabile sul sito. Ho riletto le pagine da 53 in poi e le trovo ancora molto utili, anche se sono del lontano 1993, per spiegare la ragione della crescita del Front Islamique de Salut, e la sua radicalizzazione violentissima dopo che gli era stato brutalmente negato il ricorso alle urne…

Per questo bisogna combattere decisamente e subito l’appello alla barbarie integralista cattolica, apertamente islamofoba, in Francia e in Italia, che può alimentare una spirale tremenda sospingendo verso il Jihad settori ben più vasti di quei quattro gatti che sono andati in avanscoperta a Parigi, e che hanno potuto far tanti morti solo grazie alla spettacolare incapacità dei servizi che avrebbero dovuto controllarli o scovarli. I grandi giornali e ancor più i telegiornali che forniscono l’unica informazione ai milioni di semianalfabeti di ritorno hanno taciuto delle molte aggressioni a pacifici cittadini di origine maghrebine, e a maggior ragione dei minori episodi di intolleranza e pregiudizio che nessuno registra. Come nessuno o quasi ha detto apertamente che la ragione del coraggioso viaggio di papa Francesco nella Repubblica Centroafricana (con l’apertura di una simbolica “porta santa” a Banguì, dove nessuno andrà davvero in pellegrinaggio) era legato al tentativo di bloccare una spirale pericolosissima, innescate dalle criminali brigate “Anti Balakà” prevalentemente cattoliche (in questo piccolo Stato i cattolici sono il 20% e gli islamici solo il 16%, mentre il resto è diviso tra le religioni tradizionali locali, chiese evangeliche, ecc.), che si erano rese responsabili di molti crimini nei confronti degli islamici, anche se molti di questi erano estranei alla formazione Selekà che pretende di rappresentarli. Col rischio che i cattolici locali possano essere poi spazzati via da forze provenienti dai paesi limitrofi, in cui i rapporti di forze sono ben diversi.

La prima forma di barbarie che ci colpisce è la spaventosa ignoranza degli italiani su questioni internazionali, assurda in un paese che non da ora ha una borghesia con grandi velleità imperialiste, e che mette il naso in forme diverse in parti lontane del nostro povero globo.

Ma l’ignoranza non è minore sulle questioni interne: solo così si può spiegare la generale passività di fronte a un governo che sta smantellando con i fatti, conditi da molte chiacchiere, ogni residua conquista. Come le pensioni, di cui si annuncia ipocritamente che quando i trentenni e i quarantenni di oggi arriveranno alla soglia della pensione (ovviamente spostata ai 75 anni per fatale adeguamento a un ipotetico allungamento della speranza di vita) potranno avere pensioni inferiori di un 25% a quelle attuali: menzogna assoluta, perché anche i pochi “fortunati” che hanno cominciato a lavorare subito in aziende che hanno versato regolarmente i contributi avranno “normali” decurtazioni ben maggiori rispetto a chi è già andato in pensione prima che lo derubassero dei diritti acquisiti, mentre il grosso dovrà mettersi in ginocchio e contare sulla beneficenza delle chiese, perché non avrà diritto a nulla. Se si è persa perfino la capacità di reagire a un furto così spudorato da parte di capitalisti sempre più ricchi e benedetti dai prelati che vivono in appartamentini da 500 metri quadri, potranno fare di noi qual che vogliono. Figuriamoci cosa accadrà ai miliardi di uomini del mondo degli esclusi.

(a.m.2/12/15)