Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Newsletter Ottobre 2010

E-mail Stampa PDF

Movimento operaio - La pagina di Antonio Moscato

Newsletter ottobre 2010

Nel corso di settembre si sono moltiplicato gli argomenti di attualità, soprattutto latinoamericani, mentre sono aumentate nettamente le visite al sito, dall’Italia e da alcuni paesi dell’America Latina, soprattutto il Venezuela, ma anche Cuba.

Ultimi articoli inseriti: America Latina

  • Ecuador: un segnale d'allarme Un mio commento scritto a caldo nella notte dopo l’annuncio del sequestro di Rafael Correa: esprimevo qualche dubbio su un “golpe” che non si era preoccupato per prima cosa del controllo di radio e televisioni, delle linee telefoniche, ecc. In appendice un comunicato dell’organizzazione degli indigeni CONAIE
  • Almeyra - cuasi golpe Nel precedente testo avevo segnalato che attendevo da alcuni compagni latinoamericani una loro valutazione. La prima pervenuta è stata quella di Guillermo Almeyra, che esprimeva dubbi analoghi ai miei. In appendice una ricostruzione minuziosa degli avvenimenti, scritta da Decio Machado a Quito.
  • Un commento da Quito Subito dopo mi è arrivato dai compagni della “Revista R”di Quito un commento agli avvenimenti, frutto di una discussione collettiva, con aggiunte alcune riflessioni e domande di Fernando Lopez Romero sul comportamento di Correa. Inserito subito in spagnolo, poi tradotto lasciando anche in coda l’originale.
  • Venezuela dopo il voto Una prima valutazione del voto in Venezuela del 26 settembre. Scritto il 29, esprimeva ancora perplessità sui voti complessivi dei due schieramenti, che tuttavia non sono ancora pubblicati… I siti ufficiali continuano a dare dettagli sulle singole circoscrizioni, oppure gli elenchi degli eletti.
  • Venezuela: 26 S (it) Un articolo sulle prospettive delle elezioni in Venezuela non del tutto condivisibile ma interessante perché scritto da un cubano, filosofo e politologo. Richiamo però il precedente articolo più organico: Venezuela verso le elezioni, già segnalato nella precedente Newsletter. Un’analisi puntuale e dettagliata del dibattito preelettorale in Venezuela, e dei maggiori problemi economici e sociali che sono al centro dello scontro, tradotta dalla rivista Inprecor.
  • Il Brasile salva gli USA Un’interessante analisi del generoso impegno del Brasile di Lula per sorreggere l’economia degli Stati Uniti. L’autore è J. L. Berterrechte.
  • Il Brasile dopo Lula Un testo di bilancio ampio ed esauriente ripreso dall’interessante MININOTIZIARIO AMERICALATINA DAL BASSO, a cura della Fondazione Neno Zanchetta, che fornisce una sintesi del dibattito sull’esperienza di Lula, alla vigilia del voto del 3 ottobre. Sul Brasile che vota mentre si chiude la Newsletter rinvio anche a  Il Brasile salva gli USA e al precedente Zibechi: conflitti pericolosi.
  • Brasil China latinoamericana Una messa a punto dettagliatissima sul ruolo del sub-imperialismo brasiliano, confrontato con la penetrazione cinese in America Latina e nel mondo, scritta da uno dei più prestigiosi economisti di sinistra latinoamericani, Juan Luis Berterretche. Si veda anche, tra i testi inseriti precedentemente sullo stesso argomento: Il Brasile potenza subimperialista.
  • Cina in America Latina Un testo che esamina la penetrazione della Cina in tutto il continente latinoamericano.

Ultimi articoli inseriti: Cuba e… l’informazione

  • La lunga crisi di Cuba Il blocco di articoli dedicati a Cuba è aperto da un mio scritto abbastanza organico di qualche mese fa, apparso sulla rivista “ERRE” (pubblicato sul sito appena è uscito il nuovo numero).
  • Almeyra - Cuba (It) Un articolo di Guillermo Almeyra su “Democrazia e autogestione come forze produttive”, indispensabili per affrontare la crisi più acuta, non come un lusso.
  • Da Cuba su Cuba Due articoli su Cuba di Leonardo Padura Fuentes, scrittore cubano, e di Roberto Livi, (apparsi su “il manifesto”).
  • Fidel imprudente Una polemica che ha scandalizzato qualcuno su alcune “Riflessioni di Fidel”, in cui il grande dirigente interviene su molte questioni con rinnovato radicalismo, ma con qualche imprudenza per il tipo di “esperti” che invita a Cuba (ad esempio Jeffrey Goldberg e Daniel Estulin) di cui riporta diversi testi nella sua rubrica.
  • America Latina dal basso La prima segnalazione di questa interessante lettera informativa curata da Aldo Zanchetta, con considerazioni giustamente scandalizzate per la scorrettezza nell’informazione in Italia.
  • Giustizia è fatta Sullo stesso argomento utili considerazioni di Gennaro Carotenuto.
  • Bufale Ancora sullo stesso tema un mio intervento, che polemizza con l’uso strumentale e superficiale di alcune dichiarazioni di Fidel da parte della grande stampa di dis/informazione, ma anche sulla speculare accettazione acritica, senza discussione, delle misure che tagliano l’occupazione a Cuba da parte dell’associazione Italia Cuba.

Ultimi articoli inseriti: Italia

  • Liberi fischi... Una polemica con le grida scandalizzate per qualche fischio e un fumogeno (uno!) lanciato dopo una carica di mazzieri del servizio d’ordine CISL che scagliavano sedie. Ma se ne potrebbe fare una al giorno: ora sotto accusa sono le uova lanciate ai burocrati al servizio dei padroni: anche queste sarebbero terrorismo!
  • Incredibile Gelmini Anche di queste polemiche se ne potrebbero fare tre al giorno. Ma non si tratta di ostilità per un’avversaria politica, è lo sdegno per le dichiarazioni di un ministro dell’Istruzione che non ha mai insegnato, e ha per giunta studiato poco e male, e continua a informarsi malissimo prima di parlare.
  • Menzogna e ignoranza Infatti dieci giorni dopo la Gelmini annuncia come “novità” da introdurre in sette anni quello che esisteva da sempre: il tirocinio dopo i corsi abilitanti. Lei non lo sa ma una buona parte dei precari lo hanno fatto, e sono sempre più precari che mai.
  • Padoa Schioppa conferma... L’ex ministro dell’economia del governo Prodi (con Ferrero al seguito) dichiara quello che sapevamo, ma era scandaloso dire: c’è una continuità sostanziale tra centro sinistra e centro destra. Il testo è di Marco Bertorello, ed è ripreso da Il megafonoquotidiano, che continuo a consigliare vivamente ai visitatori del mio sito. Come scrivevo nella precedente Newsletter, in quella pagina si “ troverà un’impostazione con cui mi sono trovato quasi sempre in sintonia, al punto che aprire ogni mattina quel sito mi è diventato indispensabile”.
  • La conferma di Bertinotti La realtà è più forte dell’immaginazione. Anche Fausto Bertinotti ha confermato l’assenza di distanze tra “sinistra” e destra (senza virgolette), prestandosi a una sceneggiata di Tremonti, che lo ha voluto al suo fianco in una assurda “conferenza stampa” a due voci, piena di riconoscimenti reciproci. Al furbo ministro serviva per mostrarsi disposto al dialogo con chi lo vorrebbe a capo di un “governo tecnico”, a Bertinotti serviva solo a far finta di esistere ancora.

Miscellanea

  • Polonia '80 Un testo apparso sul nn. 564-565 di Inprecor, agosto-settembre 2010, ma scritto da Cyril Smuga subito dopo la vittoria di Danzica e pubblicato allora sulla stessa rivista. La scelta di riproporlo sul mio sito, su cui esistono già diversi saggi, tra cui la parte essenziale del mio libro Chiesa esercito e masse nella crisi polacca, è dettata dalla sua grande attualità: è una ricostruzione puntuale e dettagliata della dinamica dello straordinario sciopero, che una parte della “nuova sinistra” (in realtà vecchissima) rifiutò allora di riconoscere, aggrappandosi alla falsa convinzione che si trattasse di una ”manovra” congiunta della Chiesa e dell’imperialismo…
  • India e Cina Un mio articolo apparso sul num. 39 di ERRE, in forma inevitabilmente ridotta per arginare la lunghezza dei miei articoli. Dato che era stato necessario tagliare drasticamente l’articolo l’ho pubblicato già ora integralmente sul sito. Le parti che non è stato possibile pubblicare sulla rivista sono in corpo più piccolo.

Richiami:

  • Trockij oggi Due articoli apparsi su “Liberazione”, in occasione del settantesimo anniversario dell’assassinio di Lev Trockij, con due diversi punti di vista. Uno mio e l’altro di Pier Paolo Poggio, di cui avevo appena recensito – abbastanza severamente - il primo volume di un opera dedicata alle “correnti eretiche del comunismo”. In appendice, una messa a punto ulteriore rispetto ad alcune inesattezze riproposte nell’articolo di Poggio (a volte vere deformazioni del pensiero e dell’opera di Lev Trockij).
  • Comunisti eretici La lunga recensione di L’altro novecento. Comunismo eretico e pensiero critico, curato da Poggio, cui accennavo nella nota precedente.
  •  

Ultimi testi inseriti nelle SEZIONI “I grandi nodi del novecento” e “Archivi”

  • Mandel - Rosa Luxemburg Un bel testo del 1971, riproposto in questi giorni da una rivista spagnola. Rileggendolo l’ho riconosciuto: era stato tradotto e pubblicato subito in Italia su “Quarta Internazionale”. Quindi lo ho inserito. Vale la pena di leggerlo (o rileggerlo).
  • Cina - politica estera Sempre dalla stessa rivista “Quarta Internazionale” del 1972 un articolo sulla politica internazionale cinese nei primi venti anni della Repubblica Popolare. Scelto per completare quello recentissimo sulla Cina in America Latina. Non è inutile come qualcuno potrebbe pensare perché si ferma a una data così lontana: si riferisce infatti ad avvenimenti che erano già più che sufficienti per valutare la politica cinese senza i miti che proprio in quegli anni si sono invece rafforzati ignorando o negando i comportamenti reali della direzione maoista.
  • Colpa di Lenin Polemiche al margine di un documentario su Gorkij e Lenin a Capri: a Lenin sono state attribuite nuove inverosimili colpe, presentando il suo avversario Bogdanov come una presunta “alternativa democratica” (mentre era in realtà settario ed estremista)…
  • Broué - 1905 Un testo di Pierre Broué per ricostruire ulteriormente la base del conflitto tra Lenin e Trockij, da una parte, e Bogdanov dall’altra.
  • Cortesi - 1905 Ricercando pezze di appoggio per l’articolo Colpa di Lenin ho trovato questa breve e illuminante ricostruzione del carattere oggettivo della convergenza tra Lenin, Trockij e Rosa Luxemburg nel corso della rivoluzione del 1905. Inserito anche per rendere omaggio a uno storico marxista recentemente scomparso.
  • R4 Ecuador Visto l’interesse suscitato dalle recentissime vicende dell’Ecuador, ho pensato di proporre in pdf il penultimo numero della “Revista R” (l’ultimo doveva arrivare in questi giorni, ma è stato per ovvi motivi ritardato per inserire i commenti al “golpe”). Ci sono molte interessanti e puntuali critiche alla cosiddetta “revolución ciudadana” di Correa. Tra i documenti dell’Actualidad latinoamericana avevo già inserito a suo tempo il primo numero di questa rivista (cliccare Qui).
  • Mandel - la speranza. Ripropongo un testo solo, uscito in agosto, ma poco visitato, mentre a mio parere è molto bello e merita una nuova segnalazione. È Facciamo risorgere la speranza, di Ernest Mandel, pubblicato dalla rivista spagnola Viento Sur, n. 4, 1992, di cui da questo mese è presente il link sul mio sito. Il titolo dell’articolo è quello dell’intervento di Ernest Mandel (1923-1995) al III Incontro del Forum di Sao Paulo (Nicaragua, luglio 1992). Raccomandando « di sciogliere i nodi politici che frenano le idee», la testimonianza di uno dei più illustri marxisti del XX secolo è servita ad «aprire un poco le cortine dell’incertezza per fare entrare il sole, forse per la prima volta, nella sinistra latinoamericana». Questo era allora il giudizio di Nuevo Diario, quotidiano sandinista. Interessante rileggerlo ora, ricordando in che abissale pessimismo era sprofondata la quasi totalità della sinistra mondiale, dopo una lunga serie di crolli (l’ultimo era stato quello del Nicaragua sandinista…). (a.m.3/10/10)

 

You are here