Newsletter Marzo 2011

Stampa

Newsletter marzo 2011

Questa Newsletter riflette un mese in cui ho avuto non pochi problemi. Prima di tutto il furto di un portatile in cui avevo un gran numero di indirizzi e di materiali di consultazione. Da alcune lettere deduco che diversi frequentatori del sito non immaginano neppure che in pratica io sia quasi l’unico curatore del sito (a parte i preziosi aiuti dell’infaticabile traduttrice e di un compagno esperto di informatica che da 600 km accorre in mio soccorso con utilissimi consigli ogni volta che faccio qualche pasticcio), ma è così. Quindi si è ridotto il materiale inserito in alcuni periodi in cui ero particolarmente occupato a recuperare archivi da vecchi computer dismessi e a preparare il nuovo portatile (oltre che a sbrigare parecchie altre pratiche amministrative).

Tra l’altro sul nuovo computer ho installato un nuovo programma di posta, che ancora non domino bene in tutte le sue possibilità. Insomma, dato che sto per partire per il Venezuela per tre settimane, e non so che problemi avrò di collegamento, ecc., può essere che anche nella prossima fase ci sia meno materiale nuovo sul sito (poi spero che ce ne sia moltissimo…). Abbiate pazienza…

Precedenti articoli sullo stesso tema:

Continua l’inconveniente della scarsa attenzione di una parte dei visitatori del sito a testi utilissimi probabilmente perché segnalati nella seconda parte della colonna sotto la dizione ULTIMI TESTI INSERITI. Ad esempio nella Newsletter precedente avevo lamentato che neppure la metà di coloro che hanno aperto i miei articoli Padura Fuentes, Trotskij e Cuba e soprattutto Rivoluzione e vita quotidiana (che doveva servire proprio a raccomandare la lettura del piccolo ma prezioso libro di Lev Trotskij dallo stesso titolo, inserito integralmente tra i testi come Trotskij - Rivoluzione e vita quotidiana-1 ) sono poi andati a vederlo.

Ora si è manifestata nuovamente questa tendenza: è accaduto lo stesso con un mio breve articolo Il marxismo di Mandel che voleva presentare e incoraggiare a leggere il bellissimo saggio di Ernest Mandel sul posto del marxismo nella storia. Tutto inutile: il mio modesto articolo dopo un giorno aveva già 73 visitatori, il prezioso saggio di Mandel solo 38…

Non posso che continuare a raccomandare e “rilanciare” i testi della seconda parte, miei o di autori che sono stati importanti per la mia formazione, come Livio Maitan ed Ernest Mandel, e che mi sembrano in questa fase ben più necessari delle mie più o meno efficaci puntualizzazioni di attualità politica e di polemica quotidiana. Il sito, che non a caso si chiama “Movimento operaio”, era nato soprattutto come strumento di studio e di “autoformazione”. E nel frattempo si è consolidato uno strumento prezioso come Il megafonoquotidiano

Ultimi testi inseriti, già segnalati, ma in parte passati inosservati:

P. S: Sono in aumento anche le lettere, a volte da parte di compagni o studenti persi di vista da tanti anni. Mi fanno molto piacere, e cerco sempre di rispondere tempestivamente. Scrivetemi, usando questo indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , e non quello che usavo prevalentemente all’università, che è ancora in vigore, ma con molti problemi e filtri eccessivi. Ma se non è urgente, aspettate che segnali il mio ritorno in Italia.