Newsletter Gennaio 2012

Stampa

Newsletter gennaio 2012

Una premessa sui testi inseriti in dicembre

Il sito ha ormai una media abbastanza alta di visite giornaliere, ma ha dovuto adeguarsi a una situazione in continuo mutamento: ogni giorno controllo il numero di visite e le confronto con le mie previsioni per capire cosa “devo” fare per rispondere alla domanda. Così non posso evitare (pena una brusca riduzione dei visitatori) di pronunciarmi su certi avvenimenti del giorno, almeno segnalando articoli apparsi altrove, soprattutto su Il megafonoquotidiano. Conseguenza secondaria è stata per qualche mese la riduzione dei testi più meditati (di “formazione”) inseriti nella seconda parte. Per riequilibrare sto esplorando un vecchio computer sovraccarico, ritrovando ogni tanto qualche pezzo da inserire in quella seconda parte del sito che nelle mie intenzioni iniziali doveva essere quella fondamentale.

Così è emerso ad esempio un bel libro (Israeliani fuori dal coro) curato da Micha Warshawski che, insieme a Cinzia Nachira e a Titti Pierini (che l’aveva tradotto), avevo tentato invano di far pubblicare in Italia. Un libro sempre valido, anche per rendere giustizia a chi in Israele si batte coerentemente contro la profonda involuzione della società e dello Stato. Lo segnalo all’inizio della Newsletter, proprio per compensare l’handicap rappresentato dalla sua collocazione nella parte inferiore della colonna di sinistra, che assicura una minore visibilità e porta molti visitatori distratti a trascurare il testo (almeno nei primi giorni, fino a quando non sarà segnalato da qualcuno o da un altro sito).  

Ad esempio un bellissimo stralcio dal libro di Rosa Luxemburg sull’accumulazione del capitale (Rosa Luxemburg: I prestiti internazionali) ha avuto finora solo 79 visite, mentre ne ha avute 223 il pezzullo Rosa L. sul debito inserito da me nello stesso giorno nella prima parte di Attualità e polemiche solo per invitare con qualche pagina a leggere il testo originale.

Che si tratti di una tendenza permanente, è confermato dal terzo pezzo inserito tra i “Testi”, un mio scritto di qualche anno fa dedicato al rapporto tra Magri e Togliatti, Il Gramsci di Togliatti (e di Magri), che ugualmente ha avuto solo 70 visite, contro le 181 di un mio breve articolo La solitudine di Magri.

Detto per inciso, chi si vuol divertire a vedere il numero dei visitatori del sito che hanno aperto un articolo, può farlo cliccando sulle varie sezioni di Attualità e polemiche, come Ipocrisie e dimenticanze oppure All'ordine del giorno... i commenti a caldo, e potrà verificare questi dati. Per quelli inseriti nella seconda parte come Testi invece il numero di visite compare a fianco appena si apre.

Articoli inseriti in dicembre

Richiamo: Testi inseriti precedentemente