Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Attualità e Polemiche --> All'ordine del giorno... i commenti a caldo --> Uno sforzo quasi unanime di disinformazione

Uno sforzo quasi unanime di disinformazione

E-mail Stampa PDF

 

La grande stampa, nel riempire pagine e pagine di commenti e pezzi di colore sulle impressioni degli scampati all’incendio della Norman Atlantic, ha evitato accuratamente di sfiorare il tema della inefficienza del poderoso apparato militare presente nei due porti pugliesi, e delle ragioni poco nobili che hanno portato a rifiutare l’aiuto albanese. Solo “Il fatto quotidiano” ha spiegato alcuni retroscena penosi, e in particolare le pressioni della famiglia Barretta, monopolista nel settore rimorchiatori di Brindisi, guidata da una grande elettrice di Renzi, Rosy Barretta (definita sulla stampa locale “Lady PD”), per accaparrarsi i diritti sullo scafo dopo la discesa del capitano, contendendoli ai rimorchiatori albanesi che avrebbero portato lo scafo in pochissimo tempo a Valona, distante in alcuni momenti solo tre miglia e dove c’era un molo pronto ad accogliere lo scafo in avaria. Non è chiaro se gli albanesi sono stati messi fuori gioco per il tragico incidente che ha ucciso due marinai del loro rimorchiatore, o per l’intimazione della magistratura italiana o di altri.

Si veda http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/30/norman-atlantic-beffa-per-gli-italiani-relitto-agganciato-dai-rimorchiatori-albanesi/1304247/, articolo aggiornato poi più tardi con molte notizie, in parte contraddittorie, dovute più che altro alla reticenza e alle vere e proprie frottole raccontate dalle autorità dei due paesi soprattutto sulla vicenda delle schermaglie tra soccorritori italiani e albanesi: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/30/norman-atlantic-ci-3-morti-italiani-caos-sui-dispersi-relitto-verso-lalbania/1304052/

Probabilmente hanno pesato anche le pressioni di Renzi sulle autorità albanesi nel corso della sua tempestiva visita ufficiale a Tirana con molti scambi di reciproci complimenti e la solita esaltazione della presunta efficienza nel salvataggio dei passeggeri.

Al momento attuale mancano dati certi, e il numero dei dispersi (o comunque non registrati come sopravvissuti, e imbarcati da qualche parte) per il procuratore della repubblica di Bari Giuseppe Volpe arriva addirittura al numero altissimo di 179. I conteggi sono difficili perché tanti passeggeri sono stati salvati dai mercantili greci o turchi che sono in rotta verso est. Come mai questi mercantili hanno potuto avvicinarsi alla nave in fiamme e prendere a bordo decine di naufraghi? Ma non avevano detto che avvicinarsi al relitto era impossibile per gli stessi mezzi della marina militare, a parte gli elicotteri che ne caricavano ovviamente pochi per volta? E perché quelli imbarcati verso la Grecia non sono stati identificati (o almeno contati…) a bordo prima di salire sulle navi che li portavano in salvo? Misteri…

La grande stampa embedded ha insistito su alcuni episodi di violenza, dovuti a teppisti che avrebbero malmenato donne e bambini per farsi largo verso l’unica scialuppa calata in mare o verso i verricelli degli elicotteri. In realtà questi episodi sono stati esagerati, soprattutto dalla stampa di destra, che ha trovato conveniente attribuirli con titoli a tutta pagina soprattutto ai “clandestini”, anche per far dimenticare l’incredibile lentezza e inadeguatezza dei soccorsi. In realtà secondo molte testimonianze, emerge piuttosto che l’equipaggio era insufficientemente preparato per affrontare l’emergenza, era concentrato soprattutto sulle pompe per tentare di spegnere l’incendio, ed era in parte travolto dal panico generale. Uno dei quattro militari calati da un elicottero (quasi 20 ore dopo l’incidente), un ufficiale medico dell'aviazione militare, ha sminuito la dimensione delle violenze, e ha raccontato di aver cercato di arginare le ondate di panico, sia pure con modesti risultati. Era bravissimo, ma aiutato solo da un infermiere e due tecnici, troppo pochi per dialogare con centinaia di persone in preda al panico. Sarebbe stato necessario inviare un gruppo esperto e affiatato sufficiente per tranquillizzare i passeggeri e capace di prendere in mano l’evacuazione. Un gruppo di almeno una dozzina di uomini. A che cosa sono addestrati i nostri “marò scelti”, solo a sparare su pescatori inermi?

Su questo praticamente nessuno ha attirato l’attenzione, a partire dal “manifesto”, che ha liquidato la tragedia con un banalissimo e superficiale articolo di Antonio Camuso, che non ha affrontato per niente la domanda: a che ci serve una marina militare con tanti costosissimi mezzi e così scarsa preparazione per affrontare un’eventualità come questa?

Le bugie e le vanterie di Renzi sono disgustose, ma bisogna anche capire perché si è azzardato a minimizzare il numero dei morti, mentre da tutti i corrispondenti delle TV stavano emergendo cifre ben diverse. Probabilmente è stato vittima della sua fiducia nel ministro della difesa Roberta Pinotti, che a sua volta ha avallato le assurde reticenze dei comandi della marina militare, che hanno rivelato la loro insipienza in tutto tranne che nel mentire ed emettere comunicati tranquillizzanti, senza spiegare perché gli scampati a un’esperienza così angosciante sono stati parcheggiati sulla nave San Giorgio per altre 30 ore. Lo spettacolo indecoroso dell’affollarsi di ufficiali, marinai, poliziotti sul molo di Brindisi, che correvano in su e in giù sulla passerella al momento dello sbarco, preoccupati solo di tener lontane le telecamere della stessa TV di Stato, la dice lunga sulla confusione che ha presieduto a tutta l’operazione.

Matteo Renzi ha ben altre colpe che le stupide esaltazioni della “meravigliosa impresa del salvataggio”, ma non c’è dubbio che la sua dimensione umana risulta ancor più misera da questo episodio: al di là delle cifre sbagliate (lo ha fatto tante altre volte, pensa evidentemente che gridare forte renda credibile qualsiasi cifra inventata), ha dimostrato che per lui la dimensione di una tragedia si misura solo col numero dei morti, senza tener conto delle sofferenze dei sopravvissuti soccorsi tardi e male, e fatti arrivare a terra tardissimo per motivi inesplicabili.

Comunque su questo bisognerà ritornare, quando ci sarà un bilancio complessivo di questa tragedia, e si potranno valutare tutte le responsabilità, a partire da quelle di chi – in Grecia e in Italia - sapendo della inadeguatezza delle misure di sicurezza, ha consentito ugualmente la partenza della nave. (a.m.30/12/14)



You are here Attualità e Polemiche --> All'ordine del giorno... i commenti a caldo --> Uno sforzo quasi unanime di disinformazione