Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Un volantino semplice da TO

E-mail Stampa PDF

L’ARTICOLO 18 NON SI TOCCA

LAVORO DIRITTI DIGNITA’

NON SAREMO MAI VOSTRI SCHIAVI

 

Il governo Monti Napoletano Fornero hanno lanciato l’assalto finale all’ultimo diritto delle lavoratrici e dei lavoratori: l’articolo 18 che garantisce un minimo di sicurezza nella vita, quello di non essere licenziato in base al totale arbitrio padronale.

 

In questi anni altre conquiste di fondo sono stati stracciate dal padronato e dai governi che si sono susseguiti: un contratto nazionale di lavoro adeguato per tutti, andare in pensione in tempi ragionevoli, un mercato del lavoro basato sul contratto a tempo indeterminato e non la precarietà dilagante che coinvolge i giovani, ma anche i meno giovani.

 

Il governo Monti rappresenta fino in fondo gli interessi delle banche e del padronato: cancellare o svuotare l’articolo 18 lascerebbe liberi i padroni di ricattare ogni giorno i dipendenti, cacciarli quando vogliono, impedire l’organizzazione di un reale sindacato dei lavoratori.

Dicono: “La libertà di licenziamento porterebbe sviluppo economico”; è la più grande balla mai sentita; serve solo a sfruttare di più gli operai; tutte le misure prese da Berlusconi e poi da Monti precipitano il paese nella recessione economica.

 

I sindacati non dovevano andare a una trattativa fasulla, in cui si discute solo di come fregare la classe lavoratrice. La CGIL avrebbe già dovuto abbandonare quel tavolo, proclamare lo  sciopero generale come da tempo chiede la FIOM, e per il quale si battono anche i sindacati di base.

 

Ieri ci sono già state importanti scioperi e manifestazioni in molte fabbriche e in particolare nella città di Genova. Oggi la Fiom ha proclamato 2 ore di sciopero.

 

Rispondiamo con la lotta alla violenza dell’attacco del governo Monti.

Rialziamo la testa per difende i nostri diritti e il nostro futuro

e quello dei nostri figli.

 

o   Difendiamo  l’articolo 18,

o   Difendiamo i salari e l’occupazione,

o   Serve un salario sociale e un salario minimo garantito,

o   Rivogliamo il diritto alle pensioni di anzianità.

 

ROMPERE LA TRATTATIVA FASULLA

SCIOPERO E MOBILITAZIONE GENERALE

Sinistra Critica Torino tel 011 8177972 stpropv.s.giulia64 mar 2012 

email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. http://sinistracriticatorino.blogspot

www.sinistracritica.org



Tags: FIOM  diritti  art. 18