Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Qualcosa si muove

E-mail Stampa PDF

Avevo manifestato scarso interesse per la proposta di assemblea nazionale della Coalizione sociale proposta da Maurizio Landini, sia per la vaghezza del progetto, sia per l’eterogeneità di chi aveva aderito, tra cui troppe vecchie conoscenze già sperimentate nel corso degli anni. Tuttavia per scrupolo avevo visto e ascoltato i video dei principali interventi, a partire da quello di Landini, https://www.youtube.com/watch?v=Ekpxr_ITCwM&index=1&list=PLnZfFw4qyshPzwkgrVc1paSnvY0H1Etyk e quelli dei compagni che informavano sull’attività dei gruppi di lavoro, che hanno confermato molti dei miei dubbi o se si vuole pregiudizi.

Tuttavia c’è stata anche una gradevole sorpresa, il lungo intervento di Stefano Rodotà, che stimavo da anni come costituzionalista e come uomo coerente, ma che mi era sembrato spesso un po’ astratto. A chi segue da tempo il mio sito, è abbastanza noto che non sono mai stato convinto dai richiami dei gran parte della sinistra all’osservanza della costituzione, che non a caso non è mai stata applicata (a parte l’articolo 12, sui colori della bandiera, ho spesso osservato scherzando). La costituzione è stata scritta in modo deliberatamente ambiguo, con frasi retoriche che significano poco, e che poi sono state facilmente stravolte una volta modificati gli equilibri politici. Si pensi al famoso (e sempre invocato invano) art. 11 sul ripudio della guerra, che un presidente della Repubblica dopo l’altro, da quando la borghesia italiana ha ricominciato a manifestare le sue aspirazioni a “pesare sulla scena internazionale”, hanno sempre interpretato ribattezzando “missioni umanitarie” le spedizioni imperialiste. E lo hanno fatto senza fatica, utilizzando le molte ambiguità dell’articolo…

Ma questa volta ho trovato convincente il discorso di Stefano Rodotà, anche come ipotesi di lavoro per rendere concreta la proposta aggregativa lanciata dalla FIOM, per definire un programma di lavoro comune. E mi fa piacere intanto inserirlo sul mio sito. Ecco il link dell’intervento di Rodotà:

https://www.youtube.com/watch?v=39jYjzcLdig&list=PLnZfFw4qyshPzwkgrVc1paSnvY0H1Etyk&index=4

(a.m.13/6/15)