Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Attualità e Polemiche --> L'America Latina --> Venezuela dopo il voto

Venezuela dopo il voto

E-mail Stampa PDF

Venezuela

Chi ha vinto le elezioni?

Una conferma importante

 

Primo dato di fatto: il processo bolivariano ha una maggioranza in parlamento. Insufficiente a far passare altre modifiche alla costituzione, certo, ma non è detto che questo rappresenti davvero un male. La costituzione attuale è stata voluta dallo stesso Chávez, e da lui emendata. Cambiarla ancora a colpi di maggioranza poteva accrescere inutilmente le tensioni in un paese che, comunque, risulta sostanzialmente diviso in due parti quasi eguali.

Avevo segnalato da tempo analisi e opinioni che esprimevano timori per una possibile sconfitta elettorale del PSUV e quindi –di riflesso –dello stesso Hugo Chávez. Rinvio per questo agli articoli: Venezuela verso le elezioni, Toussaint: Crisi del debito e alternative e Venezuela: 26 S (it), ma ce ne sono altri precedenti che riportavano giudizi preoccupati da parte di importanti sostenitori del processo di rinnovamento: Venezuela: problemi nuovi, Venezuela ingovernabile?, Venezuela, scontro evitabile

La situazione, descritta efficacemente nel primo degli articoli segnalati, era preoccupante, per un’inflazione senza paragone in questa fase nel continente, una forte criminalità, una corruzione diffusa anche ai vertici del partito di governo, ecc. Inoltre si era sempre verificato uno scarto netto tra le percentuali relativamente alte di votanti riscontrate nelle elezioni presidenziali (quando c’era di fatto un referendum su un leader indubbiamente amato) e quelle molto basse di quando si doveva scegliere tra i suoi uomini, molti dei quali fortemente contestati dalla base. Per questo può apparire sorprendente che nonostante tutti questi problemi, ci sia stata una conferma per la “rivoluzione bolivariana”.

Ma tutti i problemi restano e non si può sottovalutare che il risultato in seggi è il frutto di un meccanismo elettorale abbastanza complicato e discutibile, che è stato ulteriormente “ritoccato” alla vigilia delle elezioni modificando diversi collegi. Il risultato in voti, infatti, dà alla coalizione chavista 5.259.998 voti con 97 seggi, mentre la eterogenea coalizione MUD (Mesa de Unidad democrática),  ha riportato 5.448.864 con soli 65 seggi.

Inoltre il PPT (Patria Para Todos) che faceva parte in origine della coalizione chavista ed è passato all’opposizione soprattutto perché non accettava l’imposizione del PSUV come partito unico della rivoluzione, ma non ha aderito alla MUD, ha avuto 320.260 voti e 3 seggi, non pochi in una situazione di fortissima polarizzazione.

La legge elettorale che combina collegi uninominali e rappresentanza paritetica delle regioni, e assegna lo stesso numero di seggi a quelle fortemente popolate (già passate in parte alle opposizioni nelle elezioni precedenti) e a quelle più povere e meno abitate, decisamente chaviste, non è stata inventata da Chávez , e non è certo un’esclusiva della cosiddetta “dittatura chavista”, dato che modifiche “tattiche” ai collegi sono abituali in tutte le democrazie parlamentari, a partire dalla Gran Bretagna (lasciamo perdere, per carità di patria; la legge “porcata” italiana…).

L’importante è non dimenticare che la maggioranza dei seggi non corrisponde a una maggioranza della popolazione, e quindi impone di non cedere a un inopportuno trionfalismo, o a liquidare qualsiasi dissenso come escualido, ponendosi invece il problema di recuperare almeno in parte i settori passati recentemente dal sostegno al bolivarismo all’opposizione.

È necessario tanto più perché l’opposizione è stata tenuta insieme solo da un rifiuto del chavismo, e avrà enormi difficoltà a trovare un programma e un candidato unico per le elezioni presidenziali del 2012. Una delle aspiranti a questo ruolo è la pessima Maria Corina Machado, che era stata a fianco di Pedro Carmona durante il golpe del 2002, è portavoce della associazione Súmate (considerata legata alla CIA), nonché consigliera di amministrazione nella grande impresa metallurgica di proprietà del padre, Vivenza. Questa volta è stata eletta con 230.000 preferenze, più o meno quanto ne esprimono due intere province amazzoniche, e ha subito detto di essere contenta per aver sventato il pericolo di una nuova Cuba. La pretesa di Maria Corina Machado di rappresentare l’intera coalizione di opposizione metterebbe a dura prova i transfughi del bolivarismo con cui è stata possibile una sia pur incoerente alleanza basata su una divisione dei seggi in questa scadenza.

Sono molti i dati su cui il PSUV deve riflettere: a partire dagli insuccessi di alcuni suoi esponenti di rilievo, come la presidente dell’Assemblea Nazionale Cilia Flores, che nella capitale ha perso la sfida con il giovane dirigente studentesco Stalin González ottenendo 484.103 voti contro i 484.844 dell’avversario. Ne riparleremo quando avremo più dati dettagliati con il numero di voti per tutto il territorio, e quando sarà più chiaro anche il dibattito aperto nel PSUV sui risultati.

(a.m. 28/9/10)

Aggiornamento prematuro:

mancano ancora, sul sito ufficiale della CNE (http://www.cne.gov.ve/web/index.php) i dati complessivi: esistono solo dati parziali, che non aiutano a capire, perché i voti dell'opposizione sono scomposti indicando il partito di origine. Il sito di Chavez dà dati complessivi, con un risultato migliore per il PSUV (5.422.040), ma per l'opposizione parla solo dell'opposizione di destra, definendo il MUD Mesa de Ultra Derecha. Bisogna aspettare ancora, evidentemente. 29/9/10

 



Tags: Venezuela  Hugo Chávez  PSUV  PPT  

You are here Attualità e Polemiche --> L'America Latina --> Venezuela dopo il voto