Movimento Operaio

La pagina di Antonio Moscato

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Avviso rassicurante

E-mail Stampa PDF

 

Mi fa piacere che diversi visitatori abituali del sito lo abbiano aperto nonostante il comunicato minaccioso che sullo schermo diceva che lo facevano a loro rischio e pericolo, e me lo abbiano subito comunicato su face book. Io stesso invece avevo inizialmente esitato, sottovalutando l’eventualità che l’annuncio avesse solo uno scopo deterrente. In realtà era accaduto anche in passato ad alcuni amici e compagni di trovare avvisi simili, di cui mi avevano avvertito ma che non corrispondevano a un pericolo reale.

In ogni caso “qualcuno” aveva provato a mettere fuori uso il sito, dapprima facendo comparire sullo schermo una bandiera nera del Daesh, che comportava di questi tempi l’immediato oscuramento della pagina, poi presentandolo come pericoloso e “ingannevole”. Tra chi si è occupato concretamente del recupero e chi mi ha offerto assistenza sono state avanzate ipotesi diverse sull’origine dell’attacco, spesso inquietanti. Prima di ripartire a pieno ritmo saranno installati dispositivi che in casi analoghi consentano il recupero integrale praticamente immediato.

Comunque questa interruzione forzata di quasi due settimane mi ha spinto a pensare a qualche modifica del sito, che richiederà ancora qualche giorno. Tuttavia non mi sembra possibile rinunciare nonostante la stanchezza e qualche acciacco: impossibile arrendersi in una situazione così tragica e carica di pericoli di un ulteriore allargarsi della guerra già presente in non poche parti del mondo, alimentata da sfruttamento, barbarie, ingiustizia e menzogna, e accompagnata da una sistematica e accelerata distruzione dell’ambiente e dei viventi in tutto il pianeta. (a.m. 19/1/16)

PS Intanto, segnalo alcuni degli articoli che nel periodo di interruzione erano stati ospitati nel sito di Sinistra anticapitalista: Che ci facciamo in Africa?, Come affrontare la barbarie dilagante, Califfato e barbarie